Ultimi articoli
recent

Cascata della Morricana

La Cascata della Morricana resterà impressa nella mia memoria non solo per la singolarità del luogo, quanto per il rischio corso in una apparente limpida giornata estiva.

Cascata della Morricana

Premetto: abbiamo scelto il sabato alla solita domenica; La montagna al mare pescarese; e per la prima volta dopo quasi due mesi di escursioni con il CAI, siamo partiti soltanto in tre, senza accompagnatori, pronti a farci una tranquilla scampagnata fra i Monti della Laga.
Fino a qui tutto bene. Bene come il tranquillo tratto stradale percorso da Teramo sino alla località di Ceppo, attraversando frazioni cittadine che sembrano vivere nel più completo isolamento. Bene come il tempo, che le previsioni meteo davano al massimo nuvoloso.
Per l’appunto la frazione di Ceppo, dalla quale parte il sentiero che conduce sino alla Cascata della Morricana, altro grande esempio di natura targata Abruzzo.

La faggeta

Presso Ceppo non c’è nulla. Solo l’Hotel Julia, e quella stradina che si apre davanti alla sua facciata. La si deve necessariamente prendere, lasciandosi sulla sinistra un campeggio, sino a giungere ad un vicino parcheggio. Da esso si snodano tutti i sentieri. Prendiamo naturalmente quello che ci interessa, che corre per un primo tratto di 5 km (circa 1 ora di cammino) all’interno della faggeta su un manto asfaltato.
[A dire il vero vi è la possibilità di comprare un pass per arrivare con la macchina all’inizio del sentiero, ma in quel caso si perde gran parte della magia del luogo]
Nel primo tratto, dentro la faggeta, non incontrerete nulla di particolare, se non i tanti ricercatori di funghi con le loro ceste e bastoni a punta. Ci danno il benvenuto salutandoci e rilasciandoci informazioni sulle durate. Si spostano velocemente. Li ritrovi negli angoli della faggeta e sempre con la testa rivolta al suolo.
Termina la faggeta, termina la strada asfaltata. Menomale. Comincia un sentiero più marcato che scende sulla destra, sino ad incontrare il Torrente Castellano. Il terreno è molto morbido, in alcuni tratti fangoso. Il rischio è quello di impantanarsi con le proprie scarpe, bagnandosi.

Termine della tratto stradale sotto la faggeta

Il torrente rimane comunque visibile in basso, anche quando la faggeta diviene meno fitta e la radura, denominata “la Piana”, crea scorci sulla montagna. Da qui si alterneranno un nuovo tratto boschivo e una valle, dalla quale si potrà godere a pieno la qualità del luogo.

La faggeta
Dopo aver attraversato un fosso, il sentiero aumenta la sua inclinazione salendo portandosi sul versante nominato Stazzi della Morricana. Proseguendo ancora nel bosco sino a scorgere una sottostante cascata, troppo ripida da poter raggiungere. Pochi metri ancora ed ecco la Cascata della Morricana che ci si apre sullo sfondo. 

Cascata della Morricana

Non è facilissima da raggiungere, infatti il sentiero viene sostituito da una fitta piantagione che tende nascondere il sentiero. In più bisogna guadare il torrente almeno in due punti, giungendo allora si al di sotto della cascata. Il salto è di circa una ventina di metri e il getto d’acqua segue una traiettoria particolare, dettata dalla conformazione geologica della parete in roccia sedimentaria. 

Inizio del sentiero

Mangiamo. Restiamo una ventina di minuti davanti alla cascata rinfrescati da una leggera pioggerellina, che per fortuna cessa dopo poco. Ripartiamo verso la macchina e per la prima ora non succede nulla se non qualche piede nella fanghiglia.

Versante Stazzi della Morricana

Arrivati sulla strada asfaltata, al di sotto della faggeta, accade l’impensabile. Quello che sembrava un lontano temporale estivo ci investe in pieno. Se all’inizio la pioggia veniva schermata dalle infinite foglie sopra le nostre teste, adesso l’intensità dell’acqua ci trovava impreparati. Le previsioni davano tempo nuvoloso e il mio errore è stato quello di non portarmi un kway, ma soltanto una felpa. Dopo dieci minuti avevo la felpa zuppa, le scarpe bagnate anche per colpa della strada che si stava allagando, e pure il pantalone stava assorbendo acqua. Cominciavano scariche di fulmini, alcuni lontani, altri che ci cadevano a poche centinaia di metri: uno su tutti sarà caduto nei pressi della strada e ci ha fatto letteralmente sobbalzare e spaventare, nonché aumentare il passo.

Il parcheggio non si vedeva. La luce diminuiva e la strada diveniva scura. Cominciava la grandine. Non faceva male. Infine la nebbia che scendeva, rendendo il paesaggio ancora più lugubre e pericoloso.
Alla fine riusciamo ad arrivare alla macchina, sani e salvi. Ci spostiamo nel vicino Hotel Julia per chiedere degli asciugamani, visto che non avevamo nemmeno un ricambio. Gli asciugamani non ci vengono concessi, nemmeno sotto una offerta economica avanzata e ci lasciano asciugare nel bagno del retro con tanta di quella carta igienica da riempire un cesto della spazzatura.
Torno a casa con: brividi di freddo, scarpe, mutande, maglia, felpa, pantalone, calze, zaino completamente zuppi. IPhone con audio danneggiato; macchinette fotografiche miracolosamente illese; macchina di Manuel bagnatissima..  e infine con una lezione che mi servirà tanto, ma tanto nella vita.

Sentiero
Ape pelosa

Come arrivare:
(Da Pescara): Destinazione Teramo. Direzione Torricella. Seguire indicazioni per la località di Ceppo.

Quando: 
Tutto l'anno (d'inverno con le apposite attrezzature).

Cosa vedere: 
Cascata della Morricana, Lago dell'Orso.

Cosa portare con se: 
Scarpe da Trekking, bastoncini.

Consigli:
Evitare di sporgersi in prossimità della prima cascata.

Numeri:
- Tempo di percorrenza: andata 2,30 ore - ritorno 2,00 ora
- Dislivello: 400 metri
- Difficoltà           (Stima personale)



Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.