Ultimi articoli
recent

#(con)fusioni a Lanciano

Nella città di Lanciano si tiene, ogni anno, una mostra artistica diversa dalle altre. Si chiama (Con)fusioni ed è l’arte del non compiuto, dell’indefinito. Per l’occasione sono stato invitato nella categoria “scrittori”.

La mostra è ospitata nell’Auditorium Diocleziano, ossia uno spazio collettivo chiuso ricavato all’interno del ponte romano. Si vive l’atmosfera dell’antico, del passato, in quanto ogni elemento che compone questa architettura appartiene ad un’epoca storica lontana dalla nostra. Come le pareti, tirate su con mattoni romani, che sorreggono volte a crociera, che hanno anche la funzione di scandire lo spazio. L’intero salone, esteso in lunghezza, viene illuminato grazie alle arcate laterali, schermate dagli agenti atmosferici mediante vetrate. Sul fondo del salone, fiancheggiante l’ingresso, troviamo un cunicolo che collega i sotterranei di Lanciano, conducendo verso il Miracolo Eucaristico. Al centro dello spazio sono aperte ampie aule, che scendono ancor più sotto il livello dell’auditorium.  E infine sul fondale opposto troviamo il palco, anticipato da file di sedie. Il mio compito è quello di salire sul quel palco, di leggere un mio testo inedito e di sperare nella buona reazione del pubblico. E faccio così. In attesa di essere invitato dal presentatore a salire sul palco, ripasso il tutto, gettando uno sguardo verso le installazioni artistiche collocate lungo il percorso. E faccio anche delle fotografie, mentre un diligente musicista suona il contrabbasso. Terminata la performance musicale, è il turno degli scrittori. Sono il penultimo a salire e mi trovo anche in diretta radiofonica. E alla fine mi inceppo. Ma l’applauso finale, accompagnato dalle risate per il mio testo comico, mi lascia soddisfatto.

Terminata la parte letteraria, ho tutto il tempo di visitare la mostra. Comincio con le installazioni e le opere di design. Mi soffermo sulla scultura e mi emoziono nella sala delle arti figurative: non tanto per il loro messaggio o per come appaiono, bensì per il contesto nella quale sono appese, che unendosi a quei colori e a quelle tematiche, dona un tocco di poesia al tutto. Ed è forse il momento migliore per visitare la mostra, visto che dopo le 20.00 lo spazio è vuoto. Lascio il tutto e risalgo verso la piazza.

Piazza del Plebiscito è situata al di sopra dell’auditorium. A rappresentare la mostra è una scultura del tutto particolare: un insetto mastodontico che sovrasta una vera fiat 500 verde acido. Non ho nemmeno il tempo di scattare una foto che dietro di me si sviluppa un anello di persone in attesa di una performance artistica: un tizio sfida la morte. Immette la testa all’interno di un cubo di cemento e in seguito si cosparge di calce per tapparlo. Col peso del cubo, strisciando a terra, raggiunge un panno nella quale sono presenti un martello e uno scalpello. Con la testa ancora nel cubo, comincia a dare botte di scalpello sulla superficie del solido, spaccandolo a metà. Un minimo mi sono preoccupato. Quando il tizio era nella fase più straziante della performance, ho temuto per la sua vita. Bastava un errore affinché lo scalpello non gli perforasse la calotta cranica, o che l’aria all’interno del cubo terminasse. Tutto bene quel che finisce bene e l’artista se ne è tornato a casa sulle sue gambe.

PS: hanno inserito la mia foto e biografia nell’ultima pagina del libricino della mostra.. Yeah!

lanciano
Auditorium Diocleziano
lanciano
(con)fusioni, opera di Alessiani, Polidoro, Silverii
(con)fusioni, opera di Alessiani
lanciano
(con)fusioni, opera di Truszkowska
lanciano
(con)fusioni, opera di Cruciata
lanciano
(con)fusioni, opera di Teschio Urbano
lanciano
(con)fusioni, opera di Righetti
lanciano
(con)fusioni, opera di Endmeid
lanciano
(con)fusioni, opera di F. Di Bernardo
lanciano
(con)fusioni, opera di Montanaro
lanciano
lanciano
(con)fusioni, opera de I Mesci

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.