Ultimi articoli
recent

#DestinazioneBiella, la città di Biella


Nel tardo pomeriggio, del secondo giorno del blogtour #DestinazioneBiella, ci spostiamo verso il centro di Biella. È scesa la notte e a illuminare la città sono le luci calde e soffuse del centro storico, che le donano un aspetto accogliente. Ci fermiamo in prossimità della Basilica di San Sebastiano. Entriamo in un bar, per gustarci un caffè. Al termine procediamo verso il Battistero di San Giovanni Battista, con stile romanico, risalente al X secolo, fiancheggiante il palazzo comunale. In piazza si fa festa: è stato allestito un pattinodromo sul ghiaccio, delle bancarelle natalizie e infine i tanti locali si sono attrezzati per l’occasione. 

battistero biella
Biella, Battistero di San Giovanni Battista

Imbocchiamo Via Italia, cuore della città, e svoltiamo in Via Orfanotrofio. Abbiamo appuntamento presso il negozio Rabaià. Vende prodotti a chilometro zero, fra cui affettati, formaggi, vini, marmellate e tanto altro. Un angolo di campagna nel centro della città. L’interno possiede un tocco artistico che arricchisce la struttura: innanzitutto le tele sulle pareti, il pavimento vetrato per mostrare le antiche volte, il design ricercato delle componenti.

Dapprima restiamo nella sala principale, nella quale ci viene illustrato l’operato di questa attività. Scattiamo anche una foto di gruppo. In seguito entriamo in una stanza sul retro, nella quale ci viene offerto un assaggio dei loro prodotti. Per i formaggi una tometta semplice, una presamica, un erborinato e infine la lattica. Per i vini un Canavese Nebbiolo e un Erbaluce di Caluso. Infine del salame morbido. Il tutto con del pane casereccio e della ceciata. 

Rabaià Biella
Biella, Rabaià



Attraversiamo, nuovamente, la Piazza della Basilica. Ci rechiamo verso la funicolare, che conduce nella parte superiore della città, denominata il Piazzo. È la parte medievale della città, situata a 480 m s.l.m. La funicolare venne inaugurata nel lontano 1885 ed è tutt’oggi esistente. Ci lascia in prossimità del ristorante “La Civetta”, nella quale ceneremo. Non entriamo e ci dirigiamo sotto i portici di via Amedeo Avogadro di Quaregna, dedicata all’omonimo scienziato che qui vi soggiornò. Conduce verso piazza della Cisterna, un tempo il centro della città. Un tempo il palazzo comunale era qui sopra, prima di essere spostato nella Biella contemporanea. Sulle sue scalette di Palazzo Cisterna ci facciamo una foto di gruppo.

Entriamo nella vicina Chiesa parrocchiale di San Giacomo, fermandoci prima davanti Casa Teccio, la più antica della piazza. La chiesa è vuota, vuoi per l’orario tardivo e per il freddo che scoraggia la passeggiata. È suddivisa in tre navate e fu consacrata nel 1227. Al suo interno sono contenute le spoglie del beato Agostino de Fango, ben visibili. 

destinazione biella
Biella, funicolare
destinazione biella
Biella, Piazza della Cisterna
destinazione biella
Biella, Piazza della Cisterna
Torniamo al ristorante “La Civetta” (www.lacivettadibiella.it) e ci sediamo a tavola. È un locale diverso dal solito. Svolge la doppia funzione di libreria e ristorante. I libri sono poggiati in tutti gli angoli, con maggior concentrazione nel piano superiore. Durante i pasti non possono essere sfogliati, onde evitare di macchiarli. Al fianco dell’ingresso troviamo un bancone in legno, con alle spalle una vasta scelta di liquori e amari. Dinanzi al bancone una sedia da barbiere preannuncia lo stile kitsch del locale. La prima sala che si incontra è un corpo longitudinale, nella quale è stato ricavato un bagno. Da qui si accede a una seconda sala del pian terreno e alla scalinata che conduce al livello superiore. Al primo piano ci sono tre stanze. La più carina è circondata da una libreria che corre per tutto il perimetro. La più elegante ha delle pareti colorate a strisce verticali giallo e tortora. È presente un secondo bancone, inutilizzato, e un bagno. Ceniamo con i soliti antipasti e come primo un piatto ciascuno di gnocchi al ragù. 

destinazione biella
Biella, Ristorante "La Civetta"
destinazione biella
Biella, Ristorante "La Civetta"
destinazione biella
Biella, Ristorante "La Civetta"
destinazione bielladestinazione biella


Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.