Ultimi articoli
recent

Abruzzo, trekking fra i lupi

Fra le visite più interessanti da fare in Abruzzo vi è il Centro Visita del Lupo. È un'area all'interno del parco nazionale d'Abruzzo nella quale sono conservate alcune specie animali, fra cui il lupo. L'esperienza è quella di poter trascorrere una mattinata camminando fra i lupi


La visita guidata comincia all’interno del centro visite, attraverso il supporto di pannelli interattivi. Spiegano tutto sul lupo, concentrandosi sul suo rapporto con l’uomo e sull’aspetto biologico. L’uomo e il lupo hanno una storia comune millenaria. Inizialmente venne addomesticato, andando a formare la futura razza canina. Successivamente cacciato, in quanto divenne un pericolo per gli allevatori. Alla fine degli anni ’70, in Italia, venne dichiarato animale in via d’estinzione, tanto da essere presi provvedimenti per la sua salvaguardia. Dai pochi individui rimasti la popolazione del lupo si è rafforzata e oggi si contano oltre 1500 esemplari. 


Il lupo è un animale che vive e caccia in branco. In questo gruppo vivono circa sette individui, ognuno dei quali ha un importanza diversa dall’altro. Infatti esistono i gruppi “alfa”, cioè i capobranco, formati dal maschio e dalla femmina. Ci sono i lupi “beta”, rappresentati dalla cucciolata dell’anno precedente. I cuccioli semplici e infine gli esemplari “omega”, cioè quelli aggregatisi e sottomessi dal branco. Un lupo lascia il branco al secondo anno di vita e si aggira nei boschi alla ricerca di un altro lupo solitario di sesso opposto. Assieme andranno a formare una nuova famiglia e un nuovo branco.
Ha una vista acuta, ottima per la caccia notturna, delle orecchie sempre alte in grado di percepire suoni lontani chilometri e infine un olfatto sviluppato. In natura vive otto anni in media, in quanto perde tutti i denti e muore di fame. In cattività arriva anche ai quattordici anni. 

Nella sala dei suoni vengono riprodotti cinque versi del lupo, che vanno dal richiamo del lupo solitario a quelli della cucciolata. In una stanza adiacente si possono osservare al microscopio piante e derivati organici degli animali del parco.

Uscendo dal centro visite comincia il trekking. Si raggiunge un bosco all’interno del quale sono state installate delle recinzioni per gli animali. Sono molto grandi e permettono di far vivere le specie in condizioni di semi libertà. Nella prima recinzione si possono osservare i cervi: sono animali che vivono in gruppo e ogni esemplare maschio ha il controllo di sette cerve. Non sono le corna a indicare il cervo dominante, bensì il bramito. Dal cervo ai mufloni, originari della Sardegna. Somigliano alle capre e hanno delle corna particolari, molto grandi. I daini, invece, sono più piccoli del cervo e hanno una colorazione particolare, bianca nella fascia posteriore. Quindi i cinghiali, animali cacciati dal lupo. Parallelamente a queste recinzioni si hanno delle gabbie. Contengono gufi reali, gheppi, poiane, aquile reali. Sono tutti volatili salvati dalle mani dell’uomo e protetti dal centro. Alcuni hanno subito profonde ferite, altri sono rimasti straniti a seguito dell’allevamento illegale. 




Si lascia il bosco e si segue una mulattiera che sale verso la montagna. È costeggiata da una fila di alberi, che protegge dal forte sole. La strada prosegue per circa un chilometro prima di arrivare all'Area faunistica del lupo. Nel centro ve ne sono una ventina e hanno un’età compresa dai pochi mesi di vita ai circa 14 anni. Alcuni hanno problemi seri, derivati dalla caccia all’animale, altri sono stati strappati alla morte dall’intervento dei guardia parco. Possono essere osservati da delle vetrate oscurate e ci si può ritrovare l’animale a pochi centimetri di distanza. Se questi lupi sono protetti da delle recinzioni che vanno dai 500 ai 1000 metri quadri, altri si aggirano al di fuori del parco, a segnare il proprio territorio. Non tutti gli animali custoditi nel centro visite rimangono qui per sempre. Alcuni restano poche settimane, per riprendere le forze prima di essere reimmessi in natura. Altri rimarranno per sempre.




Tempi di visita: 2 h 30 m
Orari partenza visita guidata: alle 10:00 e alle 15:00.
Prezzo: 9 €

Come raggiungere il centro? Destinazione Popoli (uscita autostradale "Bussi - Popoli"). Proseguire per Popoli Sulmona. Oltrepassare il paese e proseguire verso Sulmona. Dopo circa 3 km girare a sinistra in prossimità del ristorante "Da Gaetano" e seguire le indicazioni.

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.