Ultimi articoli
recent

Il leoncino che ha fatto innamorare l′Abruzzo

L’Abruzzo accoglie un cucciolo di animale del tutto speciale. Non stiamo parlando dei soliti lupi od orsi che riempiono le nostre montagne, bensì di un animale che viene da molto lontano, dalle calde savane dell’Africa. Stiamo parlando di una Leoncina. È nata in cattività, presso lo zoo “La Rupe” di Civitella Casanova. 

zoo la rupe

La Leoncina è venuta alla luce nei primi giorni di agosto ed è stata abbandonata dalla sua genitrice. Questo atteggiamento non è raro fra i leoni: i cuccioli – crescendo – possono alterare l’equilibrio del branco e diventare una minaccia. Lo svezzamento naturale avviene dopo tre mesi. Quando il discorso si sposta in un contesto di cattività, allora la situazione diviene ancor più delicata: gli animali sono costretti a vivere assieme e all’interno di uno spazio limitato. È stata recuperata dalla gabbia dai possessori del parco, che l’hanno adottata e che tutti i giorni l’alimentano con del latte. Viene tenuta all’interno di uno spazio riservato, non può essere toccata da nessuno soprattutto in questi primi giorni di vita, onde evitare il contagio di malattie. Non ha ancora un nome e le verrà scelto attraverso un sondaggio social su facebook. Non rimarrà qui in Abruzzo, ma verrà mandata in altre strutture – probabilmente estere – per essere tenuta in spazi più adatti. Resterà nel parco abruzzese per un altro mese, prima che possa diventare troppo grande e ingestibile.

zoo la rupe
zoo la rupe

zoo la rupe
zoo la rupe
zoo la rupe
zoo la rupe

zoo la rupe
zoo la rupe
zoo la rupe

zoo la rupe

zoo la rupe

Prima di lei c’era stata Akira, un’altra cucciola di leone che ha divertito i visitatori durante lo scorso mese. Oggi è stata trasferita in uno zoo di Malta.

Nello zoo “La Rupe” di Civitella Casanova è possibile trascorrere una giornata diversa dal solito, all’insegna del divertimento e dell’apprendimento. Adattissima per le famiglie e per tutte quelle persone che vogliono apprendere un qualcosa in più su questi animali qui tenuti. La visita avviene attraverso un percorso guidato ad anello, che vi porterà a ridosso delle tante gabbie e recinzioni degli animali. Potreste vedere: emù, cervi, daini, serpenti, caimani, tartarughe, tigri bianche, linci, puma, leoni, pantere, gatti selvatici, orsetti lavatori, scimmie, grossi rapaci e tanti altri ancora. Quasi tutti vivono all’interno di grandi spazi e sono facilmente visibili grazie alle ampie vetrate. Altri, come il gufo reale, possono essere accarezzati. La visita non si ferma ai soli animali vivi, bensì anche a quelli che hanno abitato la terra milioni di anni fa. In una galleria sono conservati animali preistorici, per lo più fossili, esposti assieme ai reperti e ai teschi degli ominidi. 

zoo la rupe
zoo la rupe

zoo la rupe
zoo la rupe
 

Consigli? Munitevi di cappello e di bottiglia d’acqua. Il parco è sì ricco di vegetazione, tuttavia il sole potrebbe battere molto forte. Evitate di infastidire gli animali chiamandoli o attaccandovi alle gabbie. Se volete pranzare nei pressi dello zoo c’è un ristorante di fronte l’ingresso.

Come arrivare? Civitella Casanova, contrada fornace. Da Roma: autostrada A25 uscita Chieti Pescara, asse attrezzato uscita Penne, proseguire verso Penne e voltare a Civitella Casanova. Da Pescara passare per Cappelle, proseguire verso Collecorvino e quindi Passo Cordone. Voltare al bivio di Civitella Casanova.

Prezzi? 11€ prezzo intero, 7€ prezzo ridotto.



@Riproduzione Riservata 

Questo articolo è protetto da copyright. Non è possibile né copiarlo, né riprodurlo, né appropriarsi della sua paternità. La violazione delle norme sul diritto d'autore comporta sanzioni anche penali.

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.