Ultimi articoli
recent

Da Orio al Serio a Milano con i transfer: ecco perché conviene

 
Tutte le volte che vado a Milano mi pongo la stessa domanda: come ci vado? Aereo, treno o bus? Per chi come me viene dal centro Italia, alle volte l’aereo è più conveniente per andare in Lombardia e nella maggior parte dei casi è meno costoso della macchina. In mezz’ora sei già a Milano.

Ogni tanto mi capita di andare a Milano. Vuoi per una visita alla città – che amo e da cui ho origini – vuoi per lo shopping che una volta l’anno è giusto fare, vuoi perché al Meazza gioca la mia squadra del cuore. Perciò non appena trovo una buona tariffa aerea prenoto il volo. E una volta atterrati? Scelgo il servizio transfer per spostarmi fino in città. Ho lasciato perdere gli autobus e le navette, per un semplice motivo: ho trovato conveniente muovermi con i servizi transfer. Solitamente faccio scalo a Orio al Serio con la Ryanair.

Prenoto sempre prima di partire. Ho un sito di riferimento per gli spostamenti dall’aeroporto alla città. È qui che trovo i costi dei transfer per andare da Orio al Serio fino a Milano. Fra i loro servizi offerti ci sono taxi e transfer non solo per il centro di Milano, ma anche per destinazioni limitrofe. E i prezzi li ho trovati vantaggiosi. Vengono calcolati in base ai chilometri percorsi, al giorno in cui si viaggia (feriale o festivo), al tempo di percorrenza e all’orario in cui si prende (diurno o notturno).

Ma perché conviene muoversi con il servizio Transfer? Ho raccolto una lista di 6 punti:

1. Tempi dimezzati.
Lo sappiamo: tutti i principali aeroporti delle grandi città sono situati lontano dal centro cittadino. Basti pensare a Milano Malpensa, Roma Fiumicino o a scali internazionali quali lo Charles de Gaulle a Parigi o El Prat di Barcellona. Alcuni sono a pochi minuti di marcia dal centro, altri a tempistiche superiori che alle volte sfiorano l’ora di marcia (come a Bruxelles-Charleroi o Francoforte Hahn). Così, non appena usciamo dal gate diretti al primo collegamento verso la città ci ritroviamo difronte a un dubbio: utilizzare uno dei tanti bus navetta – che impiegano molto più tempo, che ti fanno fare lunghe file per salirvi – o andare con un mezzo più veloce? Dipende dalle tempistiche, è chiaro. Ma se pensassimo che tutto il tempo perso nei trasferimenti logistici è tempo sottratto alla vacanza o al lavoro allora capiremmo quanto sia prezioso.

2. Costi convenienti se si viaggia in più persone. I trasferimenti possono avere costi convenienti qualora si viaggi in più persone. Per esempio, un trasferimento da Orio al Serio o Malpensa ha un costo minimo di 80/90€. Dividendo le spese si ha un costo quasi pari a quello di una navetta.

3. Flessibilità nei tour. Quando si prende una navetta si sa la destinazione: o un piazzale degli autobus o una fermata posta in prossimità di un hub di collegamento (stazione ferroviaria per esempio). Le tratte non possono essere assolutamente modificate in base alle esigenze del cliente, ma ci si deve adeguare. Con i transfer il servizio è diverso. Si può scegliere dove farsi lasciare. Un po’ come per i taxi ma, come scritto nel precedente paragrafo, a prezzi ridotti. Immaginate la comodità di scendere dall’aereo e di ritrovarsi in pochi minuti davanti l’hotel prenotato o dinanzi l’edificio dove si ha un appuntamento. A differenza di un servizio navetta che deve essere compensato con un secondo biglietto (bus o metro), o un’eventuale camminata a piedi.

4. Comodità. Viaggiare su un bus navetta non è sempre comodo. Bisogna fare una lunga fila, poggiare il bagaglio sotto nell’apposito vano e salire cercando un posto a disposizione e se restano gli ultimi due separati l’uno dall’altro si è costretti a staccarsi momentaneamente dal compagno di viaggio. Inoltre i sedili non sono sempre dei migliori. Con i transfer si viaggia su automobili e pulmini più comodi, dove ci si può rilassare facilmente.

5. Non devi far altro che uscire dal gate. Molte volte che si esce dal gate si trovano persone con i cartelli in mano, alla ricerca del cliente appena sceso dall’aereo. Sono le agenzie di transfer: un modo semplice e comodo per rompere l’impatto con una località non conosciuta.

6. Eventuali giri turistici. I transfer, non avendo una tratta definita come nel caso di un bus navetta, possono svolgere anche dei servizi turistici, qualora venisse richiesto dal cliente sul sito di prenotazione. In Croazia, ad esempio, scelsi un servizio transfer per girare l’intera Dalmazia, con tour previsti dall’agenzia. A Milano il servizio transfer dell’agenzia con cui mi muovo permette di scegliere fra alcuni tour interessanti. Fra questi ci sono: il tour delle principali attrazioni cittadine, il tour dello shopping (non vi nascondo che anche io sono stato a far shopping a Milano durante i saldi estivi, riportando a casa buste di vestiti), giro degli outlet e visita ai laghi del circondario.

Se state pensando a un viaggio a Milano non vi resta che prenotare un volo e una volta atterrati fatevi trasportare da questo ottimo servizio di spostamento.

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.