Ultimi articoli
recent

Cosa vedere nei dintorni di Praga

Nonostante sia una capitale, la città di Praga ha i suoi monumenti raccolti nel centro, e tre giorni di isita sono sufficienti per vedere tutto. Per chi vi rimane per un weekend, dal venerdì alla domenica, non conviene spostarsi. Per quelli che invece restano più giorni è consigliata almeno una visita nei centri minori situati nelle vicinanze della capitale. 


Sono raggiungibili sia con i treni che con gli autobus. Personalmente li ho visitati tutti con un mezzo alternativo, che implica almeno una settimana di permanenza: la bicicletta. Procedendo lungo il Sentiero dell’Elba ho avuto modo di fermarmi in queste località.

- Articolo completo dell’esperienza qui -

Ma quali sono queste località che vale la pena visitare? Ecco le cinque consigliate. 


MELNIK

Distanza: 49 km
Come arrivare: automobile/pullman, treno, bicicletta
Tempistiche: 00:50:00 in automobile/pullman


La città di Mělník si trova nella Boemia Centrale, in quello che è uno dei punti strategici della nazione. Infatti sul suo territorio avviene la confluenza fra il Fiume Elba e il Fiume Moldava e in quel preciso punto sorge il castello: si tratta di una rocca medievale completamente ricostruita nel XVI secolo con uno stile rinascimentale. All’interno del castello è presente un museo, con collezioni artistiche di grande pregio, fra quelle riguardanti la pittura barocca.

Il centro è formato da un’ampia piazza con piccole palazzine a schiera, con le loro facciate alte e strette. Nel punto centrale si trova un pozzo, dove secondo la leggenda venne raccolta l’acqua per lo sviluppo futuro della città. Da qui si ricongiungono le vie principali che a raggiera ricollegano con tutta la città. Una di queste porta al castello, arrestandosi sul belvedere, laddove l’ombra del campanile annuncia la presenza della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo (Petra e Pavla in ceco). Da qui si gode uno dei tramonti più belli della nazione, che consente di vedere l’intera vallata con il vulcano di Říp sullo sfondo. Su quest’ultimo è necessario aprire una parentesi: è alto 455 m e secondo la leggenda qui vi si stabilì il primissimo nucleo ceco, formato da una popolazione slava guidata da Praotec Čech (Progenitore Ceco) che diede il nome alla nazione; non a caso oggi questo luogo è considerato sacro.

Mělník possiede anche una parte contemporanea, fatto di grandi magazzini. Si trova al di fuori del nucleo storico ed è raggiungibile con una passeggiata di pochi minuti. Infine è consigliata la birra locale, magari se bevuta al NEmy medvEd, il locale più famoso di Mělník. Per trascorrere una nottata qui consiglio la Penzion Anna, situata a cinque minuti a piedi dal centro: a prezzi agevolati permette di dormire in camere accoglienti con letti grandi. 




TEREZIN

Distanza: 63 km
Come arrivare: automobile/pullman, treno, bicicletta
Tempistiche: 00:55:00 in automobile/pullman


In Repubblica Ceca si è scritta una delle pagine più brutte della seconda guerra mondiale e la testimonianza arriva dal Campo di Concentramento di Terezin. Quando si arriva in questa piccola località si resta colpiti dal grande silenzio delle vie. Sembra che tutto sia concepito per essere al di fuori del turismo: non ci sono grandi negozi, al posto di ristoranti ci trovano chioschi dai costi bassi, non si hanno attività con souvenir che siamo abituati a trovare in questi santuari della storia. Terezin è semplicemente autentica.

Nasce come una fortezza difensiva, data la vicinanza con la Germania. Una fortezza inespugnabile, concepita per essere perfetta, autosufficiente e formata da un dedalo di tunnel che correvano per tutta la città. Ma in seguito vi fu installata una cittadella degli ebrei che divenne – immediatamente – un campo di concentramento. Qui era impossibile scappare e si doveva sottostare agli ordini dei generali nazisti. In pochi sopravvissero per più di due mesi, con la maggior parte che moriva di fame, freddo, malattia.

La fortezza viene anticipata da un grande cimitero, posto al fianco del viale che conduce all’ingresso. Da qui si viene smistati in gruppi di visita in lingua e si comincia il giro che dura un’ora e mezzo. Si passa dapprima negli uffici dei generali, quindi all’interno dell’area di concentramento, con i dormitori e le aule connesse. Il giro si conclude con la visione di un documentario in quello che era il cinema (a disposizione dei generali, ovvio!).

Nel parcheggio antistante la fortezza ci sono dei chioschi in cui pranzare a prezzi molto bassi. Se si vuole trascorrere una nottata in città consiglio di spostarsi nella vicina Litoměřice.

- Articolo completo su Terezin qui - 



LITOMERICE

Distanza: 65 km
Come arrivare: automobile/pullman, treno, bicicletta
Tempistiche: 00:60:00 in automobile/pullman

A pochi km da Terezin si trova la città di Litoměřice, ideale per trascorrere una nottata dopo aver fatto visita al campo di concentramento. È da sempre considerata come un centro ricco, soprattutto per la sua posizione geografica al confine tedesco, che ha favorito la nascita di mercati di scambio. Vi fu edificata una fortezza dal re di Boemia Venceslao e successivamente passò alla Sassonia e quindi alla giurisdizione di Magonza. Dalla prima guerra mondiale è tornata alla Cecoslovacchia, nonostante una nuova occupazione fra le due guerre e un nuovo trattato di assegnazione alla stessa. Oggi il centro ha una maggioranza tedesca e conserva il fascino dell’essere un borgo ricco.

Il punto di riferimento della città è la piazza centrale. È dominata da eleganti palazzi a schiera, disposti a formare un ovale porticato su cui si affacciano bar ed eleganti ristoranti. Al centro della stessa si trova una fontana e un grande spazio lastricato con ciottoli di fiume del vicino Elba. Dalla piazza, posta sulla sommità, scendono vie cittadine che riconducono alle strade statali. Ed è in queste piccole vie che si trovano attività commerciali tipiche, accompagnate da panetterie locali chiamate pekarna. I punti di riferimento turistici sono la torre del municipio, avente forma di una cipolla, e il belvedere.

Se alloggerete qui consiglio di trascorrere una nottata nell’hotel più famoso della città: l’Apollon. Ha dei costi accessibili e si trova di fronte a quello che è stato il palazzo delle esecuzioni in cui vennero giustiziati generali nazisti. 




KUTNA HORA

Distanza: 85 km
Come arrivare: automobile/pullman, treno, bicicletta
Tempistiche: 01:10:00 in automobile/pullman


Questa città della Repubblica Ceca si trova nelle vicinanze di Praga e ha il record di possedere tre siti UNESCO, oltre a un centro storico che è un gioiellino. Si raggiunge facilmente col treno, tuttavia la sua stazione si trova a 3 km dal centro città e implica una lunga camminata. I primi due grandi monumenti di pregio si trovano nella parte bassa di Kutna Hora, nelle vicinanze della statale. Si tratta della Chiesa di Santa Maria di Sedlec, in stile gotico figlia di un’architettura cistercense, e l’Ossario di Sedlec, che conserva 40.000 scheletri utilizzati come motivi di addobbo per la cripta. È il luogo più gotico d’Europa e fa strano ritrovarsi in mezzo a teschi che compongono il simbolo del re, o il candelabro principale.

La parte più alta della città possiede il centro. A dominarla è la Cattedrale di Santa Barbara, posta con l’abside sul panorama. È uno degli edifici gotici più importanti d’Europa e con le sue guglie e i suoi contrafforti, impreziosisce la vista d’insieme. Qui a Kutna Hora è obbligatorio assaggiare il vino locale, ricavato dalle poche file di vigneto posizionate sul crinale della collina.

- Articolo completo su Kutna Hora qui - 



DECIN

Distanza: 118 km
Come arrivare: automobile/pullman, treno, bicicletta
Tempistiche: 01:30:00 in automobile/pullman


Al confine con la Germania – in particolar modo con la città di Dresda – si trova la piccola città di Decin, uno dei centri più eleganti della nazione. Si trova a ridosso di un promontorio roccioso ed è attraversata nel mezzo dal fiume Elba. Lungo le pareti rocciose gli abitanti hanno costruito i centri abitati, fra cui il castello che domina l’intera vallata. Nella parte più bassa si è sviluppata la città, con le sue vie e le sue piazze, composte da eleganti palazzi a schiera.

La città ha una grande vocazione per il turismo attivo. Fra le attività outdoor che qui si possono svolgere ci sono la Mountain Bike, con una fitta rete di piste ciclabili, il rafting sull’Elba e infine l’escursionismo sulle vie ferrate: esse passano sulla roccia attraversando anche larghe aperture difficili da superare. Naturalmente ci sono più livelli di difficoltà e ognuno può scegliere quale escursione intraprendere. 


HRADEC KRALOVE

Distanza: 117 km
Come arrivare: automobile/pullman, treno, bicicletta
Tempistiche: 01:15:00 in automobile/pullman


È la capitale della Boemia orientale sin dal X secolo e possiede un centro cittadino elegante. Il suo nome è la traduzione di "Castello (Hradec) della Regina (Kralove), visto che fu un borgo in possesso della Regina Elisabetta Richeza di Polonia. Il punto di riferimento è la piazza triangolare di Zizkovo Namesti, dedicata al generale Jan Zizka che è sepolto qui. L'edificio di maggiore interesse che vi si affaccia è la Cattedrale di Santo Spirito, costruita nel XV secolo.

4 commenti:

  1. Praga è una di quelle mete che mi chiamano da un po', ma che non sono mai riuscita a raggiungerla. Ammetto di aver pensato sempre e solo a un weekend in città, ma ora mi hai incuriosita. I dintorni sembrano molto interessanti e carina l'idea di scoprirli in bici! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martina prenditi 5 giorni: 3 per Praga, 2 per i dintorni. Vai col clima freddo, con la neve, giusto per avere quell'atmosfera adatta per la città. Portati con te una persona che ti vuole bene e avrai ricordi bellissimi :)

      Elimina
  2. Devo sicuramente tornare a Praga. Ci sono stata tanti anni fa in gita scolastica e ne ho un ricordo vago. Quante belle cittadine nei dintorni della capitale... sembra proprio che si respiri un'atmosfera di altri tempi. Davvero conviene dedicare qualche giorno in più per fare un po' di gite fuori porta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annalisa verissimo. Praga è la sintesi e al contempo l'antitesi della Repubblica Ceca. Conviene vedere prima la capitale e poi il resto! Prepara 5 giorni e vai!

      Elimina

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.