Ultimi articoli
recent

Eremo Sant′Onofrio al Morrone

In una piovosa Domenica di Giugno di qualche anno fa, decidemmo di visitare questo grande Eremo edificato quasi 800 anni fa da Celestino V. La decisione di fermarci in questo luogo era stata presa durante una gita fuori porta nella città di Sulmona, distante pochi chilometri dal sito.

Eremo di Sant'Onofrio al Morrone
L'Eremo è uno dei tanti d'Abruzzo, il protagonista sempre lo stesso. Pietro del morrone, ribattezzato Celestino V, che scelse questo luogo, a 620 m di altezza, per la sua preghiera.
Ben visibile da Sulmona, città dei confetti situata a pochi chilometri in basso, il sito si affaccia sulla valle, spiccando fra la conformità del verde aggrappato sulla pietra e dialogando con la sottostante Badia Morronese, dalla quale dover obbligatoriamente transitare per visitare con l'Eremo. Superando il complesso benedettino, si arriverà, dopo un paio di chilometri, presso un parcheggio la cui sosta è obbligatoria.
Termina l'asfalto, comincia il tratturo. La doppia scelta: la strada sulla destra per godersi il panorama. La strada sulla sinistra per arrivare sino all'eremo.


 
Attenzione! Il tratturo scosceso non è difficile da percorrere, tuttavia uno scivolone potrebbe ferirvi con le sue ruvide pietre. Perciò lungo la strada, è consigliabile proseguire moderatamente e tornante dopo tornante, per un quarto d'ora circa di cammino, vi ritroverete dinanzi la parete arenaria della montagna, a contatto con una grotta.

Eremo di Sant'Onofrio al Morrone, Porticato
Sarete arrivati. Non resta che solcare il bellissimo porticato, di ottima fattura, composto da archi a tutto sesto adiacenti al panorama. Percorrendo la stradina in pietre, la facciata laterale dell'eremo si farà sempre più grande in prospettiva. Arrivo. Da qui potrete scegliere se visitare dapprima la parte superiore, nella quale è stata ricavata una piccola chiesa, con retrostante refettorio; oppure la sottostante cappella dove troverete la grotta nella quale Celestino V amava pregare.

Eremo di Sant'Onofrio al Morrone, piano inferiore

Un luogo silenzioso, dove la trasparenza del suo messaggio e la non quotidianetà dell'abitare invita alla riflessione in un clima di tranquillità.
Mani cosmopolite sono passate in questo luogo: basta prendere i tanti diari scritti e lasciati lungo i banconi, per trovare firme e frasi scritte da persone provenienti dai cinque continenti. Anche la nostra firma è li, forse ancora visibile dopo diversi anni.


Come arrivare:
Destinazione Sulmona, località Badia.

Quando: 
Sempre.

Cosa vedere: 
Eremo di Sant'Onofrio al Morrone, Badia Morronese.

Cosa portare con se: 
Nulla in particolare.

Consigli:
Proseguire cautamente lungo il tragitto.

Numeri:
- Tempo di percorrenza: andata 0,15 ore - ritorno 0,10 ora
- Dislivello: 200 metri
- Difficoltà             (Stima personale)

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.