Ultimi articoli
recent

Bruxelles, 10 cose da fare

Bruxelles è una capitale che offre tantissime esperienze da fare. Ne ho raccolte dieci, vi piaceranno?

1. Navigare fra fiumi di birra: il Belgio è la patria della birra di qualità. Non solo una produzione industriale, ma soprattutto artigianale. A Bruxelles le birre vengono distribuite in tutti i locali e botteghe, con una scelta che va dalle classiche alle trappiste. Il tour alcolico è una prassi per gli amanti di questa bevanda e Bruxelles ne rappresenta una delle città più indicative. Consigliatissimo il Delirium Pub, fra i più famosi pub del mondo.

chez leon


2. Vedere i vestiti del Manneken Pis: il Manneken Pis è una statua in bronzo alta 50 centimetri, simbolo della città e rappresenta un bambino intento a far pipì. Nelle celebrazioni più importanti, non solo del Belgio, viene vestita con abiti tematici. Il primo a commissionar un vestito fu Massimiliano-Emanuele di Baviera, nel lontano 1698. Da quel momento in poi se ne sono susseguiti altri, a volte bizzarri. Vanno dal vestito tradizionale, alla maglietta di calcio. Gli ottocento costumi sono conservati all’interno del Museo della Casa del Re, nella Grand Place. 

manneken pis
 

3. Ricercare le diverse culture fra i quartieri: il bello di Bruxelles è di passare da un continente all’altro semplicemente attraversando la strada. La forte immigrazione, dovuta dapprima all’imperialismo e in seguito all’apertura delle frontiere, ha portato nella capitale differenti culture: italiani, francesi, olandesi, turchi, mediorientali e soprattutto congolesi. 


4. Godersi la dolcezza del cioccolato: condivide questo primato assieme all’Austria e alla Svizzera: il Belgio è una delle patrie del cioccolato. Sono tante le botteghe del centro specializzate sulla lavorazione del prodotto. E allora, perché non fermarsi ad assaggiare le tante varietà?

cioccolato belga


5. Sgusciare cozze da Léon: è uno dei ristoranti più famosi della città e vanta 120 anni di storia. Il Léon, situato a pochi passi dalla Grand Place, è specializzato nella cottura di cozze. Sono fra le più prelibate e in Belgio rappresentano il piatto tipico. Prezzi medio-alti. 

chez leon


6. Camminare fra i puffi: sembrerebbe impossibile, ma c’è un luogo che permette di farlo. Il Moof (Museum of Original Figurines) è un museo nella quale troverete i personaggi più famosi dei fumetti belga. Sono stati trasformati in statuine e un percorso permette la visita. Si cammina fra i piccoli puffi, per arrivare al Tin Tin ad altezza umana. 

bruxelles


7. Contare le palle dell’Atomium: è diventato il simbolo della città. Nacque a seguito dell’esposizione universale del 1958 e oggi è una delle mete turistiche. È composto da palle collegate fra loro mediante cilindri. Questi ultimi hanno scale e ascensori mentre nelle palle si trovano ristoranti e sale panoramiche. 


8. Frugare al mercato delle pulci: situato nel quartiere di Marolles, il mercato di Place du Jeu de Balle è uno dei più antichi del mondo. Nacque nel 1919 e viene svolto tutti i giorni dalla mattina presto al primo pomeriggio. Gli oggetti esposti sono per lo più di antiquariato e hanno dei prezzi bassi. Si possono trovare ceramiche, quadri, oggetti di collezionismo, vestiti usati, giochi in latta e mobili. 

bruxelles
Bruxelles,Place du Jeu de Balle


9. Assistere all’infiorata: si tratta di una ricorrenza annuale, dalla durata di tre giorni, che porta nella Grand Place oltre un milione di begonie. Il nome della manifestazione è “Tapis de Fleurs” e le essenze floreali vengono portate qui da Gand.


10. Ricercare i murales dei fumetti: le facciate cieche degli edifici di Bruxelles sono state ripensate per valorizzare i personaggi dei fumetti. Sono murales, alti decine di metri, nella quale vengono disegnate famose scene. Si concentrano nelle vicinanze della Grand Place, per risalire la città alta.

murale tin tin
Bruxelles, Murale di Tin Tin

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.