Ultimi articoli
recent

Rimini, il mio TBDI 2014

Qualche mese fa ho aperto la mail: sei stato selezionato al TBDI, acronimo di Travel Blogger Destination Italy, presso Rimini. Ma cos'è questa fiera? È l'incontro dei blogger, suddivisi per argomenti trattati: travel blogger, food blogger, fashion blogger e culture. Così il 9 Ottobre, alle 5:00 del mattino, sono partito con Manuel alla volta di Rimini. Prima di allora vi ero stato altre tre volte: in entrambe avevo visitato la fiera ma non la città.

rimini fiera
Rimini Fiera, ingresso sud

Arriviamo a Rimini: Cappuccino, due cornetti, biglietti e direzione Hotel. Arriviamo in Hotel: sciacquata veloce, valigie abbandonate al loro destino e direzione autobus. Saliamo sull’autobus: direzione fiera. La fiera di Rimini è situata a una decina di chilometri verso l’interno. Raggiungibile via bus (venti minuti senza traffico) o via treno (10 minuti). Appena scesi ci siamo diretti presso l'ingresso sud. Abbiamo ricevuto le cartelline con i pass (all’interno anche buoni pasto, buoni guardaroba, invito a eventi correlati) e siamo entrati. Il primo padiglione preannunciava gli altri: persone in giacca e cravatta in fila fra i vari stand, alla ricerca di un buon contatto da prendere. E vi erano tutti i grandi enti del turismo: da quelli regionali, a quelli nazionali, passando per aziende specializzate. Ne riparleremo in seguito.

TBDI rimini
Il blogger Rudy Bandiera
Dibattito al TTG Forum

Il tempo di orientarci e via verso il nostro padiglione, interamente dedicato ai travel blogger. Appena messo piede nell’area, Rudy Bandiera (www.rudybandiera.com), famoso blogger, teneva la sua lezione sui social media. Si toccavano tematiche quali i modelli di comunicazione delle grandi aziende, come la Apple, Amazon, Ebay, oppure l’importanza dei social network nei nostri giorni. E siamo rimasti ad ascoltarlo fino alla fine, scambiando delle battute con lui. La sala, nel frattempo, si era riempita di altri travel blogger, di ogni età, tutti con la voglia di mettersi in gioco. Prima di spostarci nella sala da pranzo, ci siamo spostati nei due padiglioni con gli enti turistici intercontinentali. Il primo ente con la quale parliamo è del Perù (www.peruresponsabile.it): ci invitano al tavolo e ci offrono del buon pisco sour. Anche altri enti ci dedicano il loro tempo, ascoltandoci. In poco tempo visitiamo i padiglioni del Ministero del turismo dello Yemen (www.yementourism.com), dell’agenzia del turismo “Enjoy Jordan” (www.enjoy-jordan.com), dell’organizzazione del turismo dei Caraibi (www.caribbean.co.uk), della “Destination Quebec” (www.quebecoriginal.com/fr), dell’ASPT, acronimo di Agenzia Senegalese per la Promozione Turistica, del Tour Operator Adineh Travel Iran (www.adinehtravel.com), dell’ufficio turistico dell’area protetta del Ngorongoro (www.ngorongorocreater.go.tz) e dell’autorità per il turismo e la cultura di Abu Dhabi (www.tcaabudhabi.ae). Nel frattempo la Condé Nast Traveller (www.cntraveller.com) e la Marco Polo (www.marcopolo.tv) ci regalavano una copia gratuita della loro rivista.


Il pranzo non è stato dei migliori. E mi spiego: 1) Lotta per accaparrarsi il posto. 2) Lotta per non farsi scippare la sedia. 3) Lotta per il cibo nel buffet. 4) Cibo scadente. Conclusa la mia lamentela, passo agli aspetti positivi del pranzo: 1) Conversazione. 2) Amicizie. Già, perché in quell’ora giornaliera dedicata al cibo, ho conosciuto le poche amicizie del TBDI. Una su tutte Concetta, food blogger (www.dolcipilloleperilpalato.blogspot.it), con la quale ho stretto una bella amicizia. Ma anche con Emanuela (www.manualedi.blogspot.it) simpaticissima ragazza. Ma anche responsabili del turismo dell’Ucraina e dell’Argentina. Chiusa la parentesi cibo.
Il pomeriggio lo passiamo a visitare gli ultimi padiglioni delle nazioni intercontinentali. Ci offrono un aperitivo molto gustoso. Alle 18.00 torniamo alla stazione dei treni, davanti l’ingresso sud della fiera. Facciamo i biglietti in comune con due ragazzi di Berlino, impiegati presso la Berlin Stars. Alle 19.00 siamo in hotel. Fine del primo giorno di fiera.

centro divino rimini
Rimini, Piazza Cavour

La mattina ha l’oro in bocca. Colazione abbondante e pile ricaricate. Autobus. Fiera. I padiglioni sono ancor più pieni del primo giorno. Noi, con accurato studio, decidiamo di visitare gli stand europei. Ci presentiamo all’agenzia turistica Dubrovnik Sati (www.dubrovniksati.com), all’ufficio spagnolo del turismo (www.spain.info/it), all’agenzia per la promozione del turismo della Repubblica di Macedonia (www.tourismmacedonia.gov.mk)  e all’Ente Nazionale Ceco per il Turismo (www.czechtourism.com). L’Ufficio belga per il turismo (www.belgioturismo.it) ci riserva un’ora per comunicare con noi del rapporto fra l’Abruzzo e il Belgio. Nel pomeriggio, inoltre, ci invitano a una degustazione di birre trappiste. Dopo il pranzo partecipiamo all’evento più importante per noi blogger: il Meet Your Blogger Day. Dalla mattina, al tardo pomeriggio, gli enti turistici e le grandi aziende del settore, hanno ascoltato ognuno di noi, dietro un tavolino. È stato il modo migliore per farsi conoscere, per mettere sul piatto le esperienze e per prendere buoni accordi. Anche qui una nota negativa: l’evento è stato suddiviso in due parti, una prima dedicata ai soli blogger più famosi, la seconda ai restanti. La cosa non ha fatto altro che aumentare il distacco fra le opportunità. Fa niente. L’opportunità è stata colta ugualmente.

TBDI, Stand della Slovenia

Con le porte girevoli dell’ingresso sud, termina la nostra fiera. L’autobus ci riporta in centro. La sera la trascorriamo ancora una volta nel centro storico. E facciamo una scelta ottima. Infatti è in corso l’inaugurazione del Centro DiVino, un percorso fatto di stand col vino, concerti e negozi aperti. Funziona così: paghi una quota, ti danno il bicchiere e tu vai nello stand che più ti ispira. Noi non beviamo nulla, tuttavia ci soffermiamo sui luoghi più belli di Rimini. Torniamo in hotel dopo un gelato in piazza.

rimini
Rimini, Tempio Malatestiano
piazza cavour rimini
Rimini, vecchia pescheria
cupacake rimini
Rimini, cupecakeria

L'ultimo giorno ci svegliamo con calma e visitiamo Rimini. Dapprima il lungomare e il porto. Prendo un caffè sotto la ruota panoramica, godendomi le voci dei tanti turisti giunti in città. Nel frattempo il solito barbone ubriaco dorme in spiaggia. Quindi con l'autobus verso il centro storico. La mia curiosità è riservata al Tempio Malatestiano, monumento cittadino che ho avuto modo di studiare per architettura. La bellezza della chiesa sta nell'essere un involucro rinascimentale che copre la più antica chiesa medievale. Al suo interno mi soffermo nella cappella dedicata ai caduti di guerra, appassionandomi alle loro storie. Poi è la volta di un cupcake in una piccola pasticceria, nelle vicinanze della vecchia pescheria, oggi sfruttato anche come mercato dei fiori. Il giro prosegue verso Piazza Cavour e in un'anonima griglieria a suon di cosce di pollo. Il treno è nel primo pomeriggio. Saluto Rimini con una certezza: il turismo gira, come la ruota panoramica sul mare.

TBDI rimini
Rimini, ruota panoramica

PS: durante il TBDI ho presentato il mio hastag ufficiale: #waww che sta a significare "What a Wonderful World". Il cartello lo porterò dietro con me in tutte le città che visiterò. Stay tuned!

waww
waww
waww
famosi instagramer
L'Instagramer Nicola Carmignani

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.