Ultimi articoli
recent

Slovenia: visita a Collio, un comune famoso per il suo vino

Non è una delle località più note della Slovenia eppure Brda, Collio in italiano, possiede paesaggi pittoreschi in cui scoprire la parte più autentica di questa nazione, fatta di piccoli villaggi, distese verdi di campi e tradizioni secolari contaminate nel tempo dalle tante culture qui stanziatesi. Dai vigneti che riempiono le vallate si ricava il vino sloveno per eccellenza: il Goriška Brda. 

 
smartno
Collio, panorama sulla valle


INFORMAZIONI GENERALI SU COLLIO E SAN MARTINO DI QUISCA

Che Collio sia una località di confine lo possiamo immaginare dal suo nome. È facile capirlo: è l’italianizzazione di una parola, ma non slava – Brda e Collio non hanno un’associazione fonica, come per esempio in fra una Portoroz e Portorose – ma dal friulano Cuei. Il cambio di denominazione avvenne con il Regno d’Italia, nel 1920. In quel periodo, e successivamente col fascismo, si italianizzarono tutti i nomi entrati nella cultura, dallo sport alle città di confine. L’Italia perse questo territorio nel 1947, a seguito della sconfitta della seconda guerra mondiale. Collio passerà alla Jugoslavia per restarvi fino al 1991 anno in cui diverrà una delle prime città slovene. Fra i circa 6000 abitanti che oggi vivono qui, non è difficile imbattersi in persone che hanno cambiato la loro nazionalità diverse volte. Oggi se ne trovano alcune molto anziane che avranno cambiato qualcosa come cinque nazionalità (compresi i periodi storici con domini bellici, per esempio quello nazista), per il resto ce ne sono molte nate sotto il possesso italiano e che hanno vissuto da jugoslavi e quindi da sloveni.

In una bottega conosciamo una signora figlia di italiani. Per poco non è anche lei italiana: è nata appena dopo il 1947. Ma ci tiene a sottolineare la sua appartenenza a una cultura slava più che italiana e ci ricorda gli anni sotto Tito come un periodo fiorente della Jugoslavia. È un suo parere, e non voglio entrare nel discorso. Successivamente ci porta a ridosso del panorama, indicandoci le tante località visibili davanti a noi. Quel paese è della Slovenia, quello lì giù anche. Quello nel mezzo è già italiano” Non si capisce dove finisca la Slovenia e dove cominci l’Italia. È tutta una grande sfumatura che fa di questa terra di confine un luogo privo di una forte identità. 

smartno
San Martino di Quisca


Nonostante ciò l’insieme dei territori sloveni, e di quelli italiani sullo sfondo, danno vita a un paesaggio omogeneo di gran qualità. Al suo interno si intravedono i tanti castelli medievali e le chiese tipiche colorate di bianco. Le stesse che furono martoriate durante il terremoto del 1976, quello che noi chiamiamo “del Friuli”. Anche qui si ebbero danni irreversibili e alcuni dei centri abitati nelle vicinanze di Collio furono rasi al suolo. Da una parte si costruì sul vecchio, dall’altra si lasciarono i ruderi come testimonianza. Una di queste abitazioni la si può trovare nella frazione di San Martino di Quisca

collio brda
San Martino di Quisca


È nota anche col nome di Smartno ed è una piccola fortezza militare sorta durante il medioevo da un precedente insediamento dell’Impero Romano d’Occidente. È ancora dotata di mura perimetrali di cinta, arricchite da cinque torrioni perfettamente conservatisi. L’insediamento risultò essere determinante fra il XVI e il XVIII secolo, quando assieme a un complesso di fortificazioni territoriali contenne l’avanzata dei veneziani. Oggi San Martino di Quisca è un gioiello. È caratterizzato da piccole abitazioni sorte senza un preciso disegno planimetrico, con i loro balconi in legno e le inferriate sulle finestre. Delle piante sono cresciute sulla strada, arrampicandosi sui balconi e disegnando archi naturali di pregio. I muri a secco sono stati coperti da intonaci bianchi, vere e proprie lavagne per scritte risalenti ai conflitti bellici. In queste stradine irregolari è facile trovare attività commerciali di artigianato che confezionano di tutto a prezzi vantaggiosi. 

collio brda
San Martino di Quisca

collio brda
San Martino di Quisca, visita in una bottega artigianale


Ritornando a Collio si potrà salire sulla torre panoramica a spirale, che consentirà di osservare l’intera vallata. Il salire a “spirale”, con le possibili vertigini, potrebbero provocare giramenti di testa. 


IL GORISKA BRDA

Questa località della Slovenia ha delle caratteristiche geomorfologiche che gli permettono di ottenere un’ottima uva dai vigneti. È un insieme di fattori, che abbracciano il terreno, la sua esposizione ai venti, e le precipitazioni stagionali. Ne vien fuori un vino di qualità che è prodotto nella più grande cantina sociale vinicola della nazione. Nasce così il Goriška Brda che dagli anni ’50 esporta vino in tutto il mondo. 

collio brda
Bottigle da collezione di Goriška Brda


L’azienda è visitabile. Innanzitutto c’è un’area museale in cui sono esposte delle bottiglie d’epoca e tutte le etichette mai stampate. Costeggia l’area di produzione e arriva fino al cuore della cantina in cui sono conservati i vini storici e quelli fatti invecchiare nelle botti. In una sala, chiusa da inferriata, si hanno le bottiglie di ogni annata. Le più care non sono necessariamente quelle più antiche, bensì quelle dove il vino ha avuto delle particolari caratteristiche di qualità. Per intenderci quelle di “ottima annata”. L’anno più costoso il 2004, in quanto vi fu un clima più tropicale. 

collio brda
Goriška Brda, sala delle botti


A ridosso dell’azienda c’è un negozio all’ingrosso. Qui si incontrano molti italiani, per lo più friulani di confine, venuti a comprare il vino a prezzi vantaggiosi. Alle spalle del negozio una sala guarda il panorama ed è sfruttata per degustazioni e appuntamenti formali. 

collio brda
Goriška Brda, vista della cantina dall'esterno



COME ARRIVARE A COLLIO

Si trova a 14 km da Gorizia. In automobile si deve prendere la strada regionale 56 e svoltare in prossimità di Mossa. Da lì proseguire sulla strada regionale 409 continuando diritti fino a Vipulzano. Seguire indicazioni per Brda. 


COSA VEDERE NELLE VICINANZE DI COLLIO

A pochi chilometri da Collio si trovano le due città (o la città) di Gorizia e Nova Gorica. Consigliata una visita al castello di Vipulzano, nel quale poter pernottare. A un’ora di automobile si arriva a Udine, in Italia, o nelle zone della prima guerra mondiale di Caporetto e Tolomino, in Slovenia. 


CONSIGLI

Provare la torta locale di San Martino di Quisca, fatta con cioccolata, mandorle e olio d'oliva!



Scritto: Ottobre 2017
Ultima modifica: Ottobre 2017

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.