Ultimi articoli
recent

Parigi, 10 soluzioni per risparmiare

Non è soltanto una delle città più belle al mondo, ma anche una delle più care. Tuttavia Parigi è una di quelle destinazioni che va visitata non in una sola occasione, ma più volte durante la propria vita. I costi di un soggiorno, mediamente, sono molto alti, ma esistono dei metodi per risparmiare. Quali? Andiamo a conoscerli. 



Prima di portarvi nell’angolo del risparmio della capitale francese, voglio raccontarvi una mia storia personale. Sono stato a Parigi in più occasioni e ho avuto modo di apprendere quanto più possibile dalla città. La prima volta non spesi molto, ma sentivo di poter risparmiare ulteriormente. Durante il mio secondo soggiorno parigino stetti una settimana e fra volo, hotel, cibo, trasporti, musei arrivai a spendere la cifra record di… 300€! È pochissimo, lo so. Ma il mio fu un record figlio di voli low-cost, ostelli, cibo da supermercato e un’età che mi consentiva di entrare gratis un po’ ovunque. Più o meno andò così: aereo 40€ a/r, ostello 20€/notte, cibo un max di 10€/giorno, trasporti un 70€ totali, musei gratuiti.

Già due anni dopo, al mio terzo viaggio a Parigi, spesi leggermente di più. Certo, avevo superato i 26 anni e quindi i musei non erano più gratuiti e inoltre mi concessi qualche lusso in più. Ma sono sicuro che questi miei consigli potranno aiutarvi a risparmiare un 20%-30% del costo totale del soggiorno.



10 SOLUZIONI PER RISPARMIARE A PARIGI

1) Scegliere voli low-cost. Monitorate i siti delle compagnie low-cost, almeno un paio di mesi prima. I costi di prenotazione varieranno a seconda del periodo di prenotazione o del pacchetto di viaggio. Controllate le tariffe durante i giorni “speciali”, come il Black Friday, in cui gli sconti sono corposi. Se scegliete la Ryanair arriverete all’aeroporto di Parigi-Beauvais, a 1h e 15 minuti dal centro della città. La navetta Ryanair vi costerà 32€ a/r, ma ci sono alcune compagnie di bus che hanno prezzi ancora più bassi e competitivi (es. busbeauvais).

2) Ostelli o appartamenti. Gli hotel parigini hanno dei prezzi il più delle volte proibitivi. Per i giovani, o per quelle persone che non fanno difficoltà ad adattarsi a determinate circostanze, consiglio gli ostelli. Se si partirà in 4 si potrà affittare un’intera stanza, in modo da sentirsi a proprio agio. Per chi non riesce a dormire in un ostello, consiglio di monitorare i siti di prenotazione di appartamenti, come Airbnb.

3) Scegliere strutture ricettive decentrate. Gli alberghi in periferia arrivano a costare il 90% in meno, rispetto a quelli del centro. Non importa la classe, quanto la vicinanza con la linea metropolitana: essa vi porterà ovunque. A tal proposito vi farò un esempio paradossale: potete scegliere l’hotel in centro, nelle vicinanze del Louvre, sapendo che per arrivare al Louvre stesso vi occorrono 15 minuti di passeggiata, oppure scegliere un hotel decentrato, lontano dal Louvre, che però in 10 minuti di metro vi porta al Louvre stesso.

4) Fare la Paris Visite. Un biglietto della metropolitana costa 1,90€. Lo so, è molto, tuttavia la metropolitana vi potrebbe essere indispensabile. Con la carta Paris Visit risparmierete molto denaro. 5 giorni di tratte metropolitane coperte, funicolari, tram e autobus compresi, vi costeranno 38,35€. Considerando che in una settimana di visita a Parigi si entra nella metro/autobus/etc. almeno una 50 di volte, 1,90€ x 50 ingressi = 95€. Totale del risparmio 95€ - 38,35€ = 56,65€.

5) Taxi? No grazie.
Parigi possiede il sistema di trasporti metropolitani fra i più efficienti del mondo. La metropolitana vi permetterà di spostarvi in tutti gli angoli della città e soprattutto le uscite sono adiacenti ai grandi monumenti (Torre Eiffel esclusa, 400m a piedi). I bus sono meno diffusi ma utili nelle ore notturne. Stessa cosa per i tram. Prenotate il taxi solo in caso di emergenza.

6) Comprare il cibo al supermercato.
Partiamo da un presupposto: mangiare a Parigi costa moltissimo. Certo: potreste scegliere un fast-food, tuttavia i costi rimarrebbero alti per un semplice hamburger con Coca Cola e patatine (circa 9€). Hanno il pregio di trovarsi in ogni angolo turistico della città, quello sì. Oppure scegliere una delle tante mense, arrivando a spendere meno di 10€. Si risparmia anche nelle aree universitarie, in cui i prezzi sono competitivi. Ma voglio darvi una soluzione alternativa: quella di acquistare cibo direttamente dal supermercato. Questo implica che una parte dei cibi dovrà essere cucinata, e quindi sarà adatta solo a chi avrà scelto un ostello o un appartamento. Mediamente un pasto arriva a costare 20€ a persona. Tuttavia se si scegliessero i supermercati si arriverebbe a spendere un massimo di 5€ per pasto. Insalate pronte, baguette e affettati, cibi pronti. A cui aggiungere dell’acqua (qui la paghi 1€, nei bar molto di più). Totale del risparmio/giorno 20€ - 5€ = 15€. Totale risparmio in una settimana [20€ x 7 giorni x 2 pasti/giorno] 280€ - 70€ = 210€.

7) Fare colazione in una Boulangerie. Supponiamo che avete prenotato un hotel o un ostello ma non avete incluso la colazione (sì, per risparmiare in tanti evitano la colazione): avete fatto bene. Il costo di una colazione, non incluso nella prenotazione, è di circa 12€. Per risparmiare andate in una Boulangerie: una brioche e una bevanda calda vi costeranno un massimo di 3€. Totale del risparmio: 12€ - 3€ = 9€.

8) Regali e souvenir? Fuori centro. Cartolina agli amici, sottobicchieri alla zia, maglietta al fratello. Classico. Il prezzo no. Cambia a seconda del quartiere. In quelli centrali il costo lievita, in periferia (restando nei confini cittadini) si trovano prezzi vantaggiosi. Per esempio, il costo di una statuina della Torre Eiffel, altezza 5cm in ferro: 0,25€ a Montmartre; 0,50€ Pantheon; 1€ a Trocadero e Rue de Rivoli.Il costo di una maglietta con la scritta "Paris": 6€ al Centre Pompidou; 10€ Montmartre; 12€ Rue de Rivoli.

9) Musei nei giorni giusti.
L’ingresso in alcuni musei è gratuito in determinate date del mese, come la prima domenica. Certo: vi occorrerà svegliarvi prima, onde evitare di essere gli ultimi di un’infinita fila d’ingresso.

10) Sei un under 26? Hai tanto da risparmiare. Sotto i 26 anni sono tante le agevolazioni. Musei come il Louvre e il d'Orsay, il Pantheon sono gratuiti. Basta presentare la propria carta di identità.


* Le soluzioni per risparmiare sono infinite, tuttavia dipenderà molto dallo stile di vacanza che si vuole fare. Non per forza la città deve essere vissuta con gli occhi del risparmio ossessivo. Alle volte è giusto concedersi un tocco di comodità e lusso in più. Soprattutto per gli innamorati che vengono qui a condividere un momento intenso della loro storia.


ALCUNI LUOGHI DI PARIGI A COSTO ZERO

Per completare la precedente lista, è giusto indicare quei luoghi che sono gratuiti, assolutamente da inserire in un programma di visita. Comprendono musei, chiese, piazze, ma anche luoghi più particolari. Eccoli:

- Museo del Louvre (solo nella prima domenica del mese!)
- Centre Pompidou (solo nella prima domenica del mese!)
- Il Sacro Cuore
- La Cattedrale di Notre Dame [dopo il grande incendio sarà chiusa per un periodo di tempo]
- Il Cimitero del Père-Lachaise
- I Giardini di Lussemburgo
- Place des Vosges
- Museo di Arte Moderna a La Ville de Paris



UN TOUR DI PARIGI IN 3 GIORNI? ECCO LE MIE PROPOSTE

Ora che avete una lista di soluzioni per risparmiare, vi offro un possibile itinerario di 3 giorni nella città dei sogni. Grande domanda: cosa si riesce a vedere in un lasso di tempo così ristretto? Le principali attrazioni sicuramente, e forse anche un qualcosa in più. Ma occorrerà gestire il tempo alla perfezione, evitando inutili rimbalzi fra quartieri, che vi faranno perdere del tempo prezioso in metropolitana. In tre giorni riuscirete a vedere attrazioni come: la Torre Eiffel, l’Arco di Trionfo, Montmartre, il Louvre, il D’Orsay, Notre Dame, il Pantheon e le Centre Pompidou. Troverete il tour completo di tre giorni a Parigi cliccando qui. 

Articolo Scritto: Novembre 2013.
Ultima Modifica: Luglio 2019.

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.