Ultimi articoli
recent

Parigi, 10 consigli per visitare il Louvre

Il Louvre è il Museo per eccellenza. Il più famoso al mondo, il più visitato, almeno secondo la classifica offerta dal "The Art Newspaper". Nell’ultimo anno ha vantato 10.000.000 di visitatori: un record! Tuttavia, essendo questa una meta molto gettonata, occorre seguire dei consigli pratici, per eliminare gli stress delle code all’ingresso e del sovraffollamento davanti le opere maggiori. 

louvre visitare

 

Vedere un’opera d’arte famosa e riconosciuta è un po’ come vedere il proprio idolo in carne e ossa. Mi capita spesso di ritrovarmi difronte a un quadro o una scultura studiata o vista in un libro di arte e di sentirmi appagato dalla stessa. Al Louvre questa sensazione è continua e non si fa in tempo a cambiare salone che ci si ritrova davanti a quadri che hanno fatto la storia. Dalla preistoria ai giorni nostri, passando per gli egizi e quel periodo incantato quale il rinascimento.

Inizialmente fu concepito come un Palazzo Reale, tuttavia è stato trasformato nei secoli in spazio dell’arte, dove poter conservare ed esporre tutte le opere raccolte dagli imperatori francesi. Uno su tutti Napoleone Bonaparte, che nelle sue campagne alla conquista dell’Europa si circondò di arte, arrivando a rubare le opere maggiori delle nazioni attraversate. Italia compresa, anche se l’opera più importante, La Gioconda, non fu rubata come si pensa. Negli ultimi anni, con la costruzione della grande Piramide, il Louvre è stato restaurato e tutt'oggi rappresenta una delle mete principali della città di Parigi. Per visitare le mostre occorrono alcuni consigli pratici. Essi vi permetteranno di risparmiare tempo, di sentirvi meno stanchi e di vedere quanto più possibile.



I 10 CONSIGLI PER VISITARE IL LOUVRE

1) Svegliarsi presto. Le code per entrare al museo rischiano di scoraggiare i visitatori. Il Louvre apre alle 9:00, tuttavia le file sono già corpose alle 8:30. Il consiglio è quello di arrivare almeno un’oretta prima dell’apertura.

2) Arrivarci in Metropolitana. Per guadagnare tempo è importante arrivare al Louvre direttamente in metropolitana, scendendo nella fermata di Palais-Royal/Mousée du Louvre.

3) Scegliere ingressi secondari. Gli ingressi principali al Louvre sono due. Il più importante è quello della Grande Piramide vetrata, posizionata nel cortile del palazzo, che ha il grande difetto di avere lunghe file. Il secondario è quello accessibile direttamente dalla stazione metropolitana di Palais-Royal/Mousée du Louvre. Inoltre in questo ingresso sono conservate le due piramidi (una in vetro, l’altra in pietra), contrapposte fra loro, citate nel libro “Il Codice da Vinci”.

4) Massima comodità. Scontata, siamo d’accordo. Eppure dentro al Louvre si cammina tantissimo e si macinano km su km. Sono fondamentali delle scarpe comode. Potrebbe risultare noioso anche tenere il cappotto fra le mani per tutta la visita, così come una borsa sulle spalle: meglio depositare il tutto in un guardaroba a pagamento.

5) Riposarsi e ricaricarsi. Il Louvre richiede un grande dispendio di energie che potrebbero far perdere di fascino il tutto. Già dalle prime ore della giornata la stanchezza salirà lentamente. Meglio fermarsi a intervalli regolari, sostando in una delle tante panchine, oppure prendendosi qualcosa in un bar (occhio ai prezzi). Io consiglio anche il portarsi delle barrette energizzanti per ricaricarsi.

6) Pre-organizzazione.
Un calcolo molto curioso ha svelato che per visitare il Louvre, interamente, sostando il minimo di un minuto davanti ogni opera, richiederebbe settimane. Conviene crearsi un percorso di visita personalizzato, aiutandosi con siti internet e guide. In questo modo si avrà la sicurezza di vedere le opere più importanti, o quelle preferite, senza perdere del tempo nelle indecisioni.

7) Visitare in giorni intelligenti. Il mercoledì e il venerdì il Louvre resta aperto per quasi tre ore in più, permettendo di visitare le mostre con più calma. Un consiglio da non sottovalutare è quello di visitare il Louvre in base alle condizioni meteo: in caso di pioggia Parigi è molto meno visitabile, meglio chiudersi nel museo. Informatevi, inoltre, sugli orari e sulle mostre aperte. Alcune sale del Louvre risultano chiuse in determinate giornate, coincidenti, quasi sempre, nei giorni meno importanti.

8) Orienteering. È forse il tassello più importante. Il Louvre è un museo organizzato relativamente male in quanto non esiste un percorso di visita fluido. Potreste tralasciare involontariamente delle sale o non accorgervi di alcune opere. Le mappe all'ingresso sono gratuite, meglio prenderle!

9) Scaricare delle applicazioni apposite. Alcune app aiuteranno a semplificare la visita al Louvre. Ne esistono una decina e con un semplice click forniranno informazioni utili. Lo smartphone tende a scaricarsi velocemente: meglio ricordarsi un carica batterie esterno.

10) Under 26? Gratis. Basterà esporre la carta d’identità, non sulla fila del biglietto (si perderebbe del tempo utile), ma direttamente agli ingressi della mostra. Una sola nota: per entrare gratuitamente bisognerà essere cittadini europei. Entreranno gratuitamente anche insegnanti di storia dell’arte e disabili accompagnati.



INFORMAZIONI UTILI SUL LOUVRE

Costo del biglietto: è pari a 15€. Il biglietto salta fila è di 19€. Biglietto e guida 52€.
Giorni di chiusura: martedì.
Mostre: antichità orientali, antichità egiziane, antichità greche, etrusche e romane, arti dell'Islam, sculture, oggetti d'arte, dipinti, arti grafiche. 


OPERE D'ARTE ASSOLUTAMENTE DA VEDERE AL LOUVRE

Le opere esposte al Louvre sono infinite. È fondamentale fare una selezione. Vi elencherò quelle che ritengo siano le più importanti, assolutamente da vedere una volta nella vita. Esse fanno parte di mostre differenti e alcune le avrete viste e riviste nei libri di storia dell'arte.

1. La Gioconda, di Leonardo da Vinci
2. La Venere di Milo
3. La Libertà che guida il popolo, di Eugène Delacroix.
4. La Venere delle Rocce, di Leonardo da Vinci.
5. Amore e Psiche, di Antonio Canova
6. Nike di Samotracia
7. San Giovanni Battista, di Leonardo da Vinci
8. Il giuramento degli Orazi, di Jacques-Louis David
9. Lo scriba rosso
10. L'incoronazione di Napoleone, di Jacques-Louis David
11. Ritratto di Luigi XIV,  di Hyacinthe Rigaud
12. La Zattera della Medusa, di Theodore Gericault
13. San Sebastiano, di Andrea Mantegna 
14. Il Codice di Hammurabi
15. Belle Jardiniere, di Raffaello Sanzio
 



Articolo Scritto: Novembre 2018.
Ultima Modifica: Luglio 2019. 


Museo del Louve, lo Scriba Rosso
Museo del Louve, la Piramide
Museo del Louve, le due piramidi contrapposte
Museo del Louve, la sala delle sculture
Museo del Louve, Amore e Psiche

Nessun commento:

Posta un commento

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.