Ultimi articoli
recent

50 cose da fare in Abruzzo almeno una volta nella vita

Quali sono le 50 cose da fare in Abruzzo almeno una volta nella vita? Sono esperienze, che vanno dal tuffarsi nelle acque dell'Adriatico, al destreggiarsi sulle piste innevate. Sono il partecipare a eventi unici nel loro genere, nell'assaggiare prodotti tipici e nel buttarsi giù nel vuoto, legati solo da un elastico. Ecco a voi la lista, divisa per stagioni. Buon divertimento!


PRIMAVERA


1. Camminare sulle tracce di Celestino (Roccamorice). La grandezza di Celestino V fu quella di cercare Dio attraverso l’eremitaggio. I percorsi celestiniani sono fra i più solcati d’Abruzzo e uno di questi passa per l’Eremo di San Bartolomeo fino ad arrivare all’Eremo di Santo Spirito. Cinque ore di cammino nelle belle valli di Roccamorice. 
(Articolo qui)

2. Ricercare le tracce dei briganti (Blockhaus). La storia dei briganti d’Abruzzo è una fra le più affascinanti della nostra Regione. Combatterono contro i Savoia e l’Italia che si stava formando. Si nascondevano sulle montagne, una su tutte quella del Blockhaus dove fu costruito un avamposto militare. Di quelle persone restano oggi delle tracce lungo tutta la piana: sono firme, incisioni e disegni realizzati sulla roccia. Un piacevole tuffo nella storia.
 
(Articolo qui)

3. Arrotolarsi un serpente al collo (Cocullo – Pretoro). La festa di San Domenico si tiene ogni anno la prima domenica di Maggio. Fra i borghi che festeggiano il loro patrono ricordiamo Cocullo (dove la festa è fissata per il primo Maggio) e Pretoro. Per l’occasione si raccolgono i serpenti dai campi, per poi utilizzarli durante la festa. La prima è una festa molto famosa e richiama migliaia di persone da tutta Italia. La seconda è meno famosa e i partecipanti sono per lo più del circondario. 

(Articolo qui)
 
4. Camminare sugli alberi (Guardiagrele). Il Parco Avventura Majella è una delle attrazioni più famose d’Abruzzo. In questa luogo, situato a Piana delle Mele, vi sono dei percorsi avventuristici posti al di sopra degli alberi. Ponti tibetani, tunnel sospesi, carrucole e corde, sono solo alcune delle postazioni da superare. Il divertimento è assicurato.  
(Articolo qui)

5. Preparare i fiadoni col metodo della nonna. In corrispondenza dell’arrivo della pasqua, nelle famiglie abruzzesi i forni si accendono e vengono cucinati i fiadoni. Lo sappiamo: sono dei rustici salati fatti con uova e sfoglia. Le ricette sono tantissime e sfumano di località in località. Il più delle volte la mente della famiglia è la nonna, che ha sempre una ricetta personale.

6. Far benedire le penne
(San Gabriele). Questo punto è rivolto ai più giovani e riguarda una delle tradizioni folkloristiche più in voga in Abruzzo. Si svolge nel santuario di San Gabriele, esattamente 100 giorni prima dell’esame di stato. Qui si radunano migliaia di maturandi, provenienti da tutto l’Abruzzo, e per l’occasione si vanno a benedire le penne utilizzate nelle prove scritte. In realtà è una scusa per far filone e godersi una mattinata in allegria. 

7. Piantare un fiore (Casoli). Fra gli appuntamenti più colorati d'Abruzzo, vi è l'infiorata di Casoli. Si svolge ogni anno, da 60 anni, in occasione del Corpus Domini. Lungo le vie interessate, vengono realizzati dei quadri con motivi sacri, con il solo uso dei fiori. A seguito della festività, si snoda un corteo per il paese.

8. Scoprire un monastero fra le gole
(Fara San Martino). Il bello di questo luogo sta nel poter toccare le due pareti della montagna con le braccia aperte. Il fantastico è nel ritrovarsi un monastero scavato nella roccia. Assolutamente da visitare.

9. Mangiare 30 arrosticini in una volta sola. L’abruzzese medio è un gran divoratore di arrosticini. Tuttavia non tutti riescono a mangiarne più di un tot in una sola volta. Il battesimo vero è di 30 arrosticini, ma attenzione: potrebbe risultare pericoloso per il vostro stomaco. Rutti al gusto pecora assicurati!

(Articolo qui)
4 - Camminare sugli alberi
1 - Camminare sulle tracce di Celestino

ESTATE

10. Cenare sul trabocco (San Vito Chietino). I trabocchi sono delle antiche costruzioni in legno utilizzate per la pesca. Molti di quelli distribuiti sulla costa adriatica sono oggi dismessi. Altri sono stati convertiti in ristoranti sul mare. Il pesce viene pescato dal trabocco stesso, la vista è quella del mare di notte con la costa illuminata. Durante l’estate sono presi d’assalto, conviene prenotare prima per godersi questa atmosfera unica.

11. Viaggiare sulla Transiberiana d’Abruzzo. Immaginate di essere a bordo di un treno antico e di fermarvi in vecchie stazioni, alcune delle quali dismesse. Di mangiare prodotti tipici e di vivere in un’atmosfera unica. Ecco spiegato il fascino di questo treno. 

(Articolo qui)

12. Percorrere la Valle delle Abbazie
. È uno fra i percorsi escursionistici più giovani d’Abruzzo. È un cammino mariano, che si articola fra alcuni comuni sul Vomano e prevede la visita alle tante Abbazie distribuite lungo il percorso. Ma non solo. Da vedere ci sono costruzioni medievali, borghi antichi e molta natura. 

(Articolo qui)

13. Bivacco al Rifugio Bafile
(Campo Imperatore). Pensate a una piccola camera rossa sullo strapiombo della montagna. Esiste e possiede nove posti letto per alpinisti. La notte nel bivacco al Rifugio Bafile è una delle esperienze più forti da fare in Abruzzo.

14. Assistere alla Cronoscalata
(Popoli). Da più di cinquant’anni è una delle gare a tempo più famose d’Italia. Lungo il tortuoso percorso sfrecciano vetture di ogni tipo, da quelle da rally ai prototipi.

15. Assistere alla corsa degli zingari (Pacentro). È fra le tradizioni culturali più suggestive d’Abruzzo. Dall’alto del monte parte una maratona che termina nella chiesa di Pacentro. I partecipanti, di varie fasce d’età, concorrono scalzi, subendo tagli e infortuni lungo il percorso.

16. Trascorrere la giornata in un rifugio di montagna
. Diventando soci del CAI, si può accedere ad alcuni rifugi distribuiti sulle montagne abruzzesi. Viene concessa la chiave e si può trascorrere una piacevole giornata (e nottata) a pieno contatto con la natura.

17. Tornare nel medioevo (Elice). Durante la festa dell’Ilex, il borgo di Elice torna indietro nel tempo, arrivando al medioevo. Migliaia di comparse prendono parte all’evento, interpretando personaggi tipici o riproducendo scene famose. Fra queste vi sono gli attacchi al forte, il rogo della strega, le impiccagioni. Il tutto è accompagnato da attrazioni per grandi e piccoli e dalla buona cucina elicese (pasta alla mugnaia su tutte).

18. Dormire nella natura. Con l’arrivo della stagione calda, ci si può permettere di dormire in natura con la propria tenda. È un’esperienza consigliata, fuori dalla frenesia e dai rumori della città.

19. Nuotare fra antichi mulini (Capestrano). In Abruzzo vi sono diverse scuole per sub, distribuite fra il mare e i laghi. Una delle più suggestive è quella che si tiene nel Lago di Capodacqua, nel comune di Capestrano. Sotto il livello delle acque, sono conservati due antichi mulini, completamente immersi. Si scende con delle guide e si compie un giro attorno a queste costruzioni.

20. Tifare il Sestiere (Sulmona). La giostra cavalleresca di Sulmona è un appuntamento che si tiene dal 1995 e rievoca le sfide rinascimentali avvenute qui. Viene ospitato in Piazza Garibaldi e che accoglie tantissimi turisti. A sfidarsi quattro Sestrieri e tre borghi.

21. Austriaci per un giorno (Chieti). Da diverse estati, si tiene a Chieti un evento dedicato alla musica. Si tratta della Settimana Mozartiana. Per l’occasione il centro della città ospita un susseguirsi di concerti, molti dei quali dedicati alla musica classica. Inoltre vi sono sfilate in abiti tipi imperiali.

22. Buttarsi giù
(Salle). Il ponte di Salle, sul fiume Orta, è il più alto del centro Italia. È un’opera ingegneristica di grande fattura. Vi si svolge uno degli sport estremi: il bungee jumping. Da una piattaforma installata sul parapetto ci si getta nel vuoto per centinaia di metri. Prima - però – bisogna tirar fuori il coraggio!

23. Sfidare le rapide
. In Abruzzo possediamo alcuni dei migliori centri di rafting. A bordo di un gommone potrete destreggiarvi fra le gelide acque e vivere l’esperienza delle rapide.

24. Cammino di San Tommaso. Prende spunto dal modello del Cammino di Santiago de Compostela, e ripercorre quello che fu il viaggio dell’apostolo Tommaso da Roma a Ortona. Il percorso si snoda fra natura e arte. 

25. Snorkeling nell'antico porto (Pineto). Presso la località di Cerrano, proprio di fronte l'omonima torre, è possibile immergersi con maschera e boccale alla scoperta dell'antico porto. Un tempo era l'approdo delle navi merci provenienti da tutto il Mediterraneo. Fu distrutto dagli invasori e spazzato via dal terremoto. Oggi restano le rovine sott'acqua.

26. Aspettare l’alba in spiaggia
(Pescara). Nel capoluogo di provincia pescarese c’è solo uno spettacolo naturale ben visibile: l’alba sul mare. È bello godersela l’estate, primo perché non fa freddo, secondo perché dopo una serata di festeggiamenti è il modo migliore per concludere (o riiniziare) la giornata. In compagnia è meglio!

27. Partecipare alla processione delle barche (Pescara). In occasione della festa di Sant’Andrea, i pescatori del capoluogo pescarese partono con le loro barche per una processione in mare. Al largo si incontrano tutti per la venerazione del santo.
 
28. Arrivare alla Cisterna (San Valentino in Abruzzo Citeriore - Bolognano). Rappresenta una escursione molto apprezzata dagli Abruzzesi, in quanto coniuga la natura al divertimento. Si tratta di camminare a piedi nel fiume Orta, sino ad arrivare a una cisterna dall’acqua ghiacciata. Quasi sempre piena. 
(Articolo qui)

29. Conquistare la vetta (Campo Imperatore). Raggiungere la vetta del Gran Sasso non è un’impresa impossibile, anzi, vi è un sentiero relativamente comodo. Il percorso è preso d’assalto da molti turisti, soprattutto inesperti, e il rischio è che si possano avere problemi legati allo sgretolamento della roccia. Prestate la massima attenzione! 

30. Oltrepassare la porta (L'Aquila). L'evento più importante del capoluogo di regione abruzzese è la Perdonanza Celestiniana. Per l'occasione viene aperto il portale della Basilica di Collemaggio e oltrepassandolo si ha l'indulgenza plenaria.

31. Trascorrere una giornata con un pescatore e con un pastore. L’Abruzzo è una terra caratterizzata dalla presenza del mare e della montagna. I mestieri più antichi sono quelli del pescatore e del pastore. Fra le esperienze più interessanti c’è quella di trascorrere una giornata con loro; nel primo caso dalla barca alla vendita, nel secondo dal pascolo alla lavorazione dei prodotti. 

(Articolo qui)

32. Vedere l'orso, il lupo, la lince e l'aquila in libertà. Non sono facili da osservare, sorprattutto in natura. Ebbi la fortuna di vedere i lupi a Civitella Alfedena, di ritrovarmi l'orso in piazza a Villetta Barrea, di seguire le orme della lince lungo la Camosciara e di essere sorvolato da un aquila sotto l'Eremo di San Bartolomeo.

33. Cucinare gli arrosticini sulla fornacella. Siamo tutti bravi a mangiare arrosticini e ancor più bravi a giudicare la persona che li prepara. Ma un vero abruzzese deve necessariamente preparare - almeno una volta nella vita - gli arrosticini sulla fornacella. Sarà un battesimo e il suo lavoro verrà apprezzato dagli altri commensali.

28 - Immergersi nella Cisterna
12 - Percorrere la Valle delle Abbazie


AUTUNNO

34. Vivere il bosco autunnale
(Pescocostanzo). Fra le attrazioni più suggestive dell’Abruzzo, vi è il Bosco di Sant’Antonio. Lo potreste visitare in qualsiasi momento dell’anno, tuttavia in autunno possiede un fascino del tutto personale: le foglie degli alberi si colorano di giallo, arancione e rosso, donando al luogo una tonalità cangiante. Questo cambiamento dura molto poco, una massimo due settimane. Occorre affrettarsi.
(Articolo qui)

35. Ubriacarsi alle cantine aperte (San Valentino in Abruzzo Citeriore). L’evento richiama migliaia di appassionati e il borgo abruzzese si trasforma per una notte in una gigantesca osteria. Fiumi di vino vengono tracannati, il divertimento trionfa su un paese silenzioso nei restanti 364 giorni dell’anno. Fate guidare l'unico astemio o scegliete pullman organizzati!

36. Prendere un gelato al gusto di… olio (Pescara). Ma non solo: anche zafferano, aurum, liquirizia d’atri e molti altri ancora. Il bar Caprice di Piazza Garibaldi è fra i migliori di Italia e possiede una scelta alternativa di gusti gelato. Provate i più strani!

37. Affacciarsi nel vuoto (Roccascalegna). Il castello di Roccascalegna poggia su una roccia dalla forma irregolare. Affacciandosi dalla finestra della torre più esterna, si ha la sensazione di essere sospesi nel vuoto. Il sito possiede anche una storia affascinante che riguarda un omicidio avvenuto nella torre secoli fa. Ma questa è un’altra storia.
(Articolo qui)

38. Bussare alle porte e correre col fuoco (Atri). La notte dei Faugni è una delle ricorrenze più famose del comune di Atri. Ricorda un’antica tradizione popolare. L’8 dicembre, giorno più corto dell’anno per la luce solare, si innalzavano alti fuochi per combattere le tenebre. Oggi è uno spettacolo folkloristico riproposto in chiave contemporanea. Durante la notte si corre per le vie del paese con questi grandi ceri accesi, si bussa alle porte e il tutto viene accompagnato da una festa che dura fino all’alba.

39. Stringere le spalle
(Civitella del Tronto). Non tutti lo sanno, ma il vicolo più stretto d’Italia si trova in questo borgo del teramano. Certo: sono in tanti a contendersi questo primato. Tuttavia ci piace credere sia effettivamente il più stretto della penisola.

40. Sulle tracce di Ladyhawke. Il film americano, diretto da Richard Donner e interpretato fra l’altro da Michelle Pfeiffer, fu girato a Rocca Calascio. È sicuramente il luogo simbolo della Regione Abruzzo, fra i più immortalati negli scatti fotografici. Non è difficile da raggiungere ed è consigliata per tutte le stagioni dell’anno.



34 - Vivere il bosco autunnale
40 - Sulle tracce di Ladyhawke
INVERNO

41. Dormire al Sextantio
(Santo Stefano di Sessanio). È l’hotel più famoso della Regione e si trova in uno dei borghi più belli d’Italia. La particolarità del Sextantio sta nel trovarsi all’interno delle tante abitazioni storiche dismesse. L’arredo è autentico, l’atmosfera unica. La hall dell’hotel è la piazza del paese. Consigliato soprattutto nel periodo invernale.

(Articolo qui)
 
42. Fare la comparsa nel presepe (Rivisondoli). È fra le tradizioni più antiche dell’Abruzzo e richiama ogni anno centinaia di partecipanti. L’occasione è quella di diventare un figurante della sacra nascita.

43. Assistere al presepe subacqueo
(Villalago). Durante il periodo natalizio, solitamente il 26 dicembre, si tiene una processione nel lago di San Domenico, dove dei sub trasportano sei statue di ceramica di Castelli sotto il livello delle acque. Si servono di una zattera che viene trascinata. 

44. Farsi la direttissima sul Pratello (Rivisondoli). Viene considerata una delle piste più difficili di Italia. Un vero amante degli sci, e dello snowboard, deve assolutamente provare questa pista nera. Occhio alle cadute!

45. Fare il “vitellone” (Pescara). Non tutti lo sanno, ma il film “I Vitelloni” di Federico Fellini fu scritto dal pescarese Ennio Flaiano. Lo sceneggiatore raccontò la figura del pescarese medio degli anni ’50: disoccupato, svogliato e seduto tutto il giorno nei tavolini dei bar sul corso. Fellini ambientò il film a Rimini, trasponendo il termine pescarese – vitellò – nella cultura di massa italiana. E allora, perché non passare del tempo in uno dei tanti locali sul corso a godersi un aperitivo e a commentare i costumi dei passanti?

46. Sgranocchiare confetti (Sulmona). La patria mondiale del confetto è Sulmona. Non solo perché qui si trova la più antica fabbrica al mondo, ma anche perché il paese ha mantenuto viva questa tradizione, con moltissime attività commerciali distribuite su tutto il territorio. I gusti sono infiniti, così come le composizioni. 

(Articolo qui)

47. Ballare con la pupa. Il ballo della pupa è una delle tradizioni più famose non solo d'Abruzzo, ma del centro sud Italia. Uno stuntman indossa questa pupa fatta in ferro e legno, sulla quale vengono posizionati dei fuochi d'artificio. Mentre viene fatta ballare si ha lo spettacolo pirotecnico.

48. Partecipare alla fiaccolata (Civitella Alfedena). Durante gli ultimi giorni dell’anno, a Civitella Alfedena si svolge una delle tradizioni più famose dell’Abruzzo: la fiaccolata. Per l’evento centinaia di figuranti invadono la montagna circostante, armati di sole torce infuocate. Con esse riproducono dei disegni, il più delle volte riguardanti tematiche regionali (come la salvaguardia dell’orso). Successivamente le torce vengono portate in piazza e fra vin brûlé e canti viene festeggiato l’imminente arrivo dell’anno nuovo.
 
49. Concedersi una giornata di benessere (Rigopiano). Fra le SPA più famose d’Abruzzo vi è quella di Rigopiano. Prenotando la camera d’hotel, avrete la possibilità di trascorrere una giornata di benessere, a stretto contatto con la natura. 
[Ho depennato questo punto per la tragedia dello scorso gennaio, tuttavia non mi sembrava giusto cancellarlo e sostituirlo: quando ho scritto questa lista, l'Hotel Rigopiano era una delle voci da cui sono partito. Rappresentava un punto fermo per il turismo abruzzese e meritava la citazione. Mi piace ricordarlo a modo mio, continuando a considerarlo come un luogo che comunque ha rappresentato un qualcosa di importante per la regione]

50. Farsi alla calata un cicchetto di genziana, aurum, ratafia e centerba. Sono i liquori più famosi d'Abruzzo e hanno gradazioni diverse. Il primo potrà risultare deciso come sapore, il secondo più delicato, il terzo più dolce e il quarto vi potrebbe stroncare. Ma per una volta si può fare. Ah: evitate di mischiarli!


46 - Sgranocchiare confetti


© riproduzione riservata

86 commenti:

  1. 30 arrosticini è riduttivo, un aperitivo direi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo sono arrivato a 50, forse sì, 30 è un aperitivo :D

      Elimina
    2. tra le cose da fare in primavera manca:
      "guardare la madonna che scappa in piazza".
      Processione della Resurrezione Pasquale unica al mondo.
      Sulmona

      Elimina
    3. Anche a Spoltore in piccolo!

      Elimina
  2. Per la cronaca il punto 44 non è Roccaraso ma Rivisondoli!!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Massimo per la segnalazione. Hai proprio ragione. Ho corretto immediatamente :)

      Elimina
  3. Se posso permettermi aggiungerei un paio di cosette! Imperdibili le cascate del Verde a Borrello! E perché non un giro in canoa sul lago di Bomba? A Vasto in estate si possono passare belle giornate ad Aqualand, ma soprattutto nella riserva di Punta Aderci il mare è da spettacolo! Se si vuol fare un salto nel Medioevo poi basta visitare Crecchio con il suo bellissimo castello e il museo annesso. In ultimo... ma solo xke il meglio viene sempre alla fine.... il Castello Aragonese di Ortona.... in quel posto si respira romanticismo in ogni angolo.. sia di giorno sia di notte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per la segnalazione :) Sto raccogliendo altre 50 cose da fare non inserite in questo articolo. Il tuo contributo è stato molto grande. A presto, Dante.

      Elimina
  4. Bellissimo ma un appunto lo faccio anch'io: un abruzzese, gli arrosticini li cuoce sulla canaletta...
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre fatti sulla fornacella, ma mi informerò sulla canaletta ;)

      Elimina
    2. Dovrebbe essere la stessa cosa!!! No?!?

      Elimina
  5. Le grotte del cavallone sono assolutamente da citare...suggestivo il percorso per raggiungerle così come il percorso al loro interno...e poi è la grotta più alta d'Europa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione. Sto già lavorando a una lista aggiuntiva per inserire le dimenticanze :)

      Elimina
  6. Articolo interessante ma l'Abruzzo teramano manca in toto ... almeno tre cose: il santuario della Madonna dello Splendore a Giulianova, le gole del Salinello e la Rocca di Civitella del Tronto ultimo baluardo borbonico

    RispondiElimina
  7. manca " vedere la madonna che scappa in piazza" la domenica di pasqua a Sulmona!

    RispondiElimina
  8. E la marsica? Cunicoli di Claudio, Gole di Celano, piazza obelisco a Tagliacozzo ecc. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provvederò quanto prima a creare una lista di altre 50 cose da fare, fra cui le tue :)

      Elimina
  9. andare a vedere le stelle nell'Osservatorio Astronomico di Mosciano...però prima degli arrosticini e della Centerba!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessio ottimo consiglio. Prima della visita abbuffata di arrosticini e dopo un cicchetto di centerba non ce lo toglie nessuno! :D

      Elimina
  10. Ci sono tante altre cose uniche da fare assolutamente in Abruzzo... Es un escursione in canoa sul fiume Tirino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristian hai ragione! Per fortuna che la nostra Regione offre tanto da fare. Nella prossima lista anche il tuo consiglio :)

      Elimina
  11. Bell'articolo ma prendi anche in considerazione:
    Escursione gole del salinello
    La fortezza di Civitella del Tronto
    Le più larghe spiagge d'abruzzo e non solo di Giulianova
    Sciare a Rocca raso
    Escursioni varie nel parco mazionale del gran sasso tra cui quella da prati di tivo alla sella del gran sasso passando dal rifugio franchetti

    RispondiElimina
  12. ciao Dante, bellissimo articolo :) ti consiglio anche escursione in quod nei pressi di Caramanico e parapendio con diverse postazioni lancio tra cui Roccacalascio :) buon divertimento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terenzia, bellissima idea quella del Quod! :D

      Elimina
  13. Io ho scritto il libro "101 cose da fare in Abruzzo almeno una volta nella vita " edito dalla Newton Compton qualche anno fa.
    L'ha letto per caso? Noto qualche affinità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve! Non ero a conoscenza di questo libro ma comunque mi informerò e sarò felice di leggerlo. Diciamo che 35 punti su 50 del mio articolo sono le cose più famose da fare in Abruzzo e probabilmente ne avrà parlato nel libro. Per il resto ho raccolto altre 40 cose da fare dai consigli diretti delle persone, che citerò in un futuro post.

      Elimina
  14. E diciamo anche che allora è un caso che abbia adottato la formula 50+50 per non violare casualmente il copyright..?!
    È vero che i luoghi noti sono quelli ma il taglio e lo stile non sfuggono, altrimenti non avrebbero forse segnalato a me il suo pezzo i lettori che hanno notato la somiglianza.

    RispondiElimina
  15. E allora diciamo che ha anche adottato la formula 50 + 50 per non violare casualmente il copyright...!? È vero che i luoghi sono quelli, ma stile e impostazione non sfuggono, altrimenti non avrebbero segnalato a me il suo pezzo i lettori che hanno notato la somiglianza.

    RispondiElimina
  16. Passare la notte tra il 16 ed il 17 a Collelongo (Marsica) per la Festa di Sant Antonio tra Cottore, Torcioni e Canti fino al mattino

    RispondiElimina
  17. 16 e 17 Gennaio scusate la dimenticanza

    RispondiElimina
  18. ad inizio agosto il Pecora day a campo imperatore dove si riuniscono tutte le transumanze della regione e oltre a vedere distese di pecore al pascolo e dormire la notte in tenda dopo aver mangiato minimo 30 arrosticini e digerito con la centerb a poi si può ballare la saltarella al suono delle dubbotte , i fuochi d'artificio del 18 agosto a Francavilla sulla spiaggia e sarebbe il massimo poter vedere i fuochi che vengono sparati in mare che diventano vere fontane di luce e viste dal mare a bordo di una barchetta è uno spettacolo mozzafiato , L'8 settembre la sfilata dei donativi alla madonna del ponte a Lanciano quando tutti i contadini portano doni alla madonna in piazza sfilando con carri allegorici, abiti caratteristici e distribuendo dolci e bicchieri di vino. A maggio c'è la sfilata a Bucchianico del Banderese con i carri allegorici e le portatrici delle conche di rame piene di fiori fatti a mano e per assistere alla tradizionale e pittoresca "Ciammaichella" che rievoca la marcia a zig-zag adottata dai bucchianichesi, su ispirazione di Sant'Urbano, per sconfiggere i francesi. A gennaio (il 17) l'accensione delle farchie a fara filiorum petri. Il primo maggio a Teramo ad assaggiare "le virtù" che è un piatto tipico e cucinato solo ed esclusivamente in quel giorno per rievocare un piatto tipico cucinato dalle nonne per consumare tutti i legumi, le verdure e la pasta (tutta mista), rimasugli di salumi rimasta in dispensa dall'inverno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lea mi hai dato tantissimi consigli. Sono molto contento di averli appresi e non vedo l'ora di poterne parlare. Un grande saluto, Dante :)

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Correggo due piccole cose elencate da lea. Le Farchie si incendiano il 16 gennaio di ogni anno a Fara Filiorum Petri.
    A Bucchianico si sfila con canestri infiorati ad arte co carta pesta, mentre in 16 agosto a Roccamontepiano di sfila con le conche infiorate in onore di S. Rocco.

    RispondiElimina
  21. La cinquantunesima cosa da fare sarebbe prendere atto che in Abruzzo esite anche la Marsica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella prossima lista includerò un paio di cose da fare nella Marsica, per esempio i Cunicoli di Claudio. Un saluto e grazie per la segnalazione

      Elimina
  22. Invece la PRIMA cosa da fare E' quella di dare meno importanza a copyright e riproduzioni riservate e contribuire a far conoscere questa meravigliosa regione. Dobbiamo imparare a saper vendere la nostra immagine, e non solo per soldi. Complimenti a Dante Castellano per i suoi 50+50 e all'Anonimo con i suoi 101 ... ma vi assicuro che si riuscirà ad arrivare a 1000. Un grazie a tutti quelli che stanno contribuendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i complimenti :) Assolutamente sì: dobbiamo promuovere la nostra Regione quanto più possibile. Navighiamo nell'oro e non abbiamo il coraggio di venderlo al mondo. Non ci manca nulla, se non il crederci un po' di più. Un abbraccio!

      Elimina
  23. Ciao bellissimo articolo!!complimenti! Devi assolutamente aggiungere "notte delle streghe" il 17 agosto a Castel del Monte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Sarà un piacere farlo! A presto :)

      Elimina
  24. Dante, Io e mia moglie sono Americani ma abbiamo una casa in Abruzzo. Ogni anno andiamo almeno una volta in Abruzzo ma non sapiamo sempre cosa c'è da fare quando siamo li. Questo consiglio è perfetto! Abbiamo ora una "lista secchio"! Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tim ti ringrazio, per me è una soddisfazione. Vedrai che ci sono ancora tantissime cose da fare qui in Abruzzo e sono sicuro che tu e tua moglie vi divertirete! Un abbraccio

      Elimina
  25. La Processione del Venerdì Santo a Chieti: ascoltare il Miserere una volta nella vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il prezioso consiglio :)

      Elimina
    2. Gentile sig. Dante, vorrei portarla a conoscenza di una manifestazione che si tiene a Penne il Sabato e la Domenica successivi al Natale: la rievocazione del Presepe di San Francesco "Greccio: AD 1223", basata sulle vicende descritte nella "Legenda Maior" di San Bonaventura da Bagnoregio, relativamente alla realizzazione del primo presepe con attori in carne ed ossa da parte di San Francesco d'Assisi, che ci riuscì nel 1223 a Greccio, nel reatino.

      Lo spettacolo, realizzato da una associazione locale, la Fratellanza dello Scorpione, conta circa 60 figuranti in abiti medievali che, nel duecentesco chiostro di San Domenico a Penne, contornati da scenari accuratamente ricostruiti secondo il periodo storico di cui si parla (XIII secolo), danno vita ad uno spettacolo capace di suscitare notevoli impressioni emotive.

      Grazie e chiedo scusa se mi sono permessa di pubblicizzare il nostro evento.

      Elimina
    3. Salve, non ero a conoscenza della manifestazione. Fra l'altro conosco bene il chiostro di San Domenico a Penne. Grazie mille per la segnalazione!

      Elimina
  26. Molte volte il problema nn è cosa vedere o fare in Abruzzo....ma saperlo qualche giorno prima...in modo da organizzarsi x tempo!!!...ci vorrebbe un sito fb dove attingere queste info...grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve. Alcuni siti internet dedicati all'Abruzzo offrono questo servizio. Tuttavia è vero che molti degli appuntamenti non sono pubblicizzati a sufficienza. Un saluto, Dante

      Elimina
  27. Eremo di San Venanzio a Raiano, con annesso mulino dove l'estate ti puoi fare anche il bagno :)

    RispondiElimina
  28. Non citare Rocca Calascio, Capestrano, Popoli e Navelli, oltre a Pineto, Collemaggio a L'Aquila, S. Giovanni in Venere, Punta Penna - Aderci a Vasto e Amiternum è davvero da dilettanti incapaci. Dante Castellano.. vai a mangiare aglio e olio, solo quello puoi fare . :'( :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, ho dimenticato molte cose. Però nella nuova lista che sta uscirà a breve ci sono alcune delle cose che hai citato. Per il resto adoro aglio e olio e ammetto di essere un dilettante incapace in alcune cose. Ma secondo me i veri dilettanti incapaci sono quelli che non leggono con attenzione gli articoli :) Ah, due delle località che mi hai contestato sono in questo articolo. Buona lettura ;)

      Elimina
  29. salve, in riferimento alla giostra di Sulmona, si dice "sestiere" e non "sestriere". La parola deriva infatti dalle sei parti in cui era diviso il centro di Sulmona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per la segnalazione, correggo immediatamente.

      Elimina
  30. Grande Dante! Che ne dite di suggerire/abbinare anche un piatto tipico con ogni località? Così diventa una guida completa ed aiutiamo anche Mr Stevens e Signora nella loro prossima visita :) Well done Dante...next step is the translation in English ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A breve grandi novità anche sul cibo! Così anche Mr & Mrs Stevens saranno aiutati :D

      Elimina
  31. Bellissimo articolo! manca anche qualcosa su Lanciano! Settembre lancianese ecc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo, grazie mille per l'appunto :D

      Elimina
  32. Aggiungerei, grotta e ovito di Beatrice cenci. I cunicoli di Claudio opera idraulica romana unica al mondo, alba fucens. Santa Maria in valle alle pendici del Velino. Una passeggiata a camporotondo in mezzo alla faggeta più grande d'Europa. Cascata zompo lo scoppio...... Se volete continuo 😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il castello di scurcola marsicana uno dei pochi a tre torri e il suo borgo medioevale. Tagliacozzo, Madonna dei bisognosi a Pereto, museo le paludi a Celano...... I resti delle ville e dell'anfiteatro a San benedetto dei marsi. La Marsica da parte dell'Abruzzo ma come sempre viene dimenticata eppure ha molto da offrire ai turisti

      Elimina
    2. Ciao Corrado! Ma lo sai che sono stato qualche giorno fa nella Marsica per vivere esperienze da postare nella nuova lista? Avete davvero molto da offrire! Non resta che scoprirle nel mio prossimo articolo! Un saluto grande e grazie mille dei consigli! :D

      Elimina
  33. Ciao dante. Ottimo articolo ma mi permetto di aggiungere qualcosa. Penne e Città Sant'Angelo che sono due dei borghi più belli d'Italia. Poi sciare e guardare il mare a passo lanciano(unica pista in Europa con buon innevamento a permetterlo). I castelli di Crecchio e Roccascalegna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio! Grazie mille per i consigli :D

      Elimina
  34. Da non perdere a Corropoli (Te) la processione del martedì di pasqua quando Giovanni annuncia a Maria e a tutto il popolo che Gesù è risorto correndo in piazza e per le vie del paese. Sempre a Corropoli ultima domenica di luglio c'è il palio de le botti:sfilata medievale con gara tra le 10 contrade nello spingere la botte lungo un percorso di 1000 m circa. Veramente appassionante! Non perde tela!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Mi hai dato davvro un ottimo consiglio! Non mancherà in liste future :D Un saluto grande. Dante

      Elimina
  35. al di là di queste mete super turistiche e super sponsorizzate c'è anche l'Abruzzo vero e incontaminato come il lago di Campotosto e Prati di Tivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie per il consiglio! In una delle prossime due liste inserirò sia Campotosto e sia i Prati di Tivo. Sarò sincero: ho trovato molto turistica la località di Campotosto. Tantissimi bikers, motociclisti, escursionisti, campeggiatori e subacquei. E sono molto contento, anche perchè è una località che merita tanto! A presto :D

      Elimina
  36. Ciao io sono di Taranto e ho una casa Crecchio in Abruzzo che adoro e quando posso scappo lì.
    Mi permetto di suggerire gli imperdibili fuochi di artificio a Francavilla a Mare il 18 Agosto, la Cena con i Bizantini con annesso visita al castello di Crecchio a fine Luglio circa, e i Talami a Orsogna intorno a Ferragosto.
    Romeo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romeo, grazie mille per i bei consigli. Ma lo sai che domani esce la seconda lista di cose da fare in Abruzzo? E ci saranno anche i fuochi di Francavilla! :D Gli altri li prenderò in consiglio per articoli futuri :) A presto!

      Elimina
  37. Mi piacerebbe girare tutto l'Abruzzo e imparare dagli anziani le loro tradizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione Maurizio, hanno molto da raccontarci! A presto :)

      Elimina
  38. Consiglio Alba Fucens, sorgenti della Sponga,eremo della madonna della ritornata (Civita D antino) eremo della madonna del Cauto (Morino) eremo di S.Angelo (Balsorano) Feste di ottobre nella valle Roveto Civitella Roveto "Lungo antiche rue" da non perdere assolutamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao grazie mille per gli utilissimi consigli :) L'unica fra le citate che ho inserito è Alba Fucens, in questo post http://www.iviaggididante.com/2015/08/cose-da-fare-abruzzo.html .. un saluto a presto :D

      Elimina
  39. Consiglio anche la famosa Festa dei Banderesi patrimonio dell'UNESCO di Bucchianico

    RispondiElimina
  40. Attenzione che al punti 49 è menzionato ancora Rigipiano.:(:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, hai ragione. Ho aggiunto una postilla al punto 49 e non mi sembrava giusto eliminarlo sostituendolo con un altro. Quando ho pensato questa lista uno dei primi punti sviluppati è stato proprio quello dell'Hotel Rigopiano. Lo lascerò lì, per una forma di rispetto verso un luogo che comunque ha rappresentato un qualcosa di importante per la regione e che in questa lista era giusto inserire. Un saluto grande Francesca!

      Elimina
  41. L'Abruzzo è bellissimo, ogni città e paesino ha il suo perchè. Io comunque segnalo in particolar modo il borgo di POGGIO MORELLO, frazione del comune di Sant'Omero (TE), in quanto è davvero notevole e facilmente accessibile, nonchè si trova giusto a pochissimi chilometri dal mare e dunque può offrire al contempo la bellezza e tranquillità della campagna e la versatilità di una costa a misura di famiglia. Consiglio infine di NON acquistare casa direttamente sulla costa poichè i prezzi sono alti, ma puntare sul comprarne una più all'interno, immediatamente dietro a un comune costiero, per poter avere un prezzo sicuramente migliore senza però rimanere lontani dal mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eva, grazie mille per avermi proposto il borgo di Poggio Morello. Non lo conoscevo e sarà un piacere informarmi :)

      Elimina

I viaggi di Dante. Powered by Blogger.